Mercoledì, 29 settembre 2021 - ore 04.50

Crema Ana Fidelia Quirot incontra Consigliere allo Sport, Walter della Frera.

Per salutare la presenza in città di un autentico mito sportivo, è giunto anche Llanio Gonzàlez Pérez, Console Generale della Repubblica di Cuba.

| Scritto da Redazione
Crema Ana Fidelia Quirot incontra Consigliere allo Sport, Walter della Frera.

Crema Ana Fidelia Quirot incontra il Consigliere delegato allo Sport, Walter della Frera.

Ana Fidelia Quirot, ex campionessa olimpica e mondiale, nella specialità della corsa sugli 800 metri, ha fatto visita al palazzo comunale di Crema, accolta dal Consigliere delegato allo Sport, Walter della Frera.

La straordinaria campionessa cubana è stata invitata dagli organizzatori della Bike and Run per parlare di sport e condividere la propria passione per la maratona: Ana Fidelia Quirot infatti è madrina della maratona della città dell'Avana.

Per salutare la presenza in città di un autentico mito sportivo, è giunto anche Llanio Gonzàlez Pérez, Console Generale della Repubblica di Cuba.

Walter della Frera ha ringraziato la grande ex atleta per la sua presenza, ricordando, col supporto del libro fotografico pubblicato qualche tempo fa, "Crema città europea dello Sport" il grande impegno dell'Amministrazione per uno sport per tutti. "Il nostro concetto è che lo sport migliora l'essere umano e di conseguenza porta a cittadini migliori".

Ana Fidelia Quirot ha preso la parola subito dopo il consigliere Della Frera toccando due corde molto legate al rapporto tra Cuba e Crema: l'importanza di reagire, con spirito, e il contributo fondamentale della medicina. "Se non fossi stata una sportiva", ha ricordato, "forse non avrei potuto reagire in quel modo all'incidente che mi ha causato ustioni al 38% del corpo, ma senza l'eccezionale aiuto della medicina del mio paese, certamente non sarei mai arrivata a vincere una medaglia d'argento alle Olimpiadi. Quei bravi medici che avete conosciuto anche voi, a Crema".

Il Console Gonzàlez Pérez si è detto emozionato e felice di poter vedere una eccezionale atleta cubana nella città di Crema e ha ricordato come l'isola di Cuba, nonostante le piccole dimensioni, abbia un medagliere olimpico insuperabile rispetto a quelli di tutti gli altri paesi sudamericani. "Lo sport è per Cuba e i cubani un mezzo di sviluppo personale e collettivo, vedo molte somiglianze con la visione che ne ha la città di Crema. Sappiamo come l'esperienza della pandemia e l'aiuto della brigata medica "Henry Reeve" abbia stabilito un rapporto di fratellanza tra cubani e cremaschi, un rapporto che continua, perché no, anche nello sport. Chissà che anche io possa partecipare, ci proverò, alla prossima maratonina "Città di Crema".

Infine, un pensiero ai medici cubani: "La vostra ospitalità, il modo in cui avete accolto i medici e infermieri, il modo in cui li avete salutati, in piazza, l'anno scorso, con la gente in festa ad applaudire, mi commosse e mi commuove ancora".

Per Franco Pilenga, che ha promosso questo incontro, poter parlare con Ana Fidelia Quirot è un grande onore: "Io pratico un altro sport, diverso dal suo", ha detto in Sala dei Ricevimenti, "ma organizzo insieme ad altri la maratonina: questo è per noi una sorta di gemellaggio, di amicizia nel nome dello sport. Mi riconosco perfettamente nella sua descrizione dell'importanza della salute fisica come premessa di quella mentale e spirituale".

In seguito all'incontro in Comune, l'atleta, il Console, insieme alla Bike and Run e al consigliere Della Frera, hanno fatto visita all'ospedale maggiore di Crema e al Museo civico. Il pranzo è stato offerto da Fabiano Gerevini, governatore per la Lombardia del Panathlon.

333 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online