Martedì, 21 agosto 2018 - ore 00.07

Cremona Festa di San Camillo, inaugurata il riqualificato reparto Cure palliative con il vescovo Lafranconi

Professione sanitaria, una missione al servizio del prossimo.Una folla di fedeli, autorità ha presenziato alla S. Messa, celebrata dal Vescovo emerito di Cremona, Mons. Dante Lafranconi e Padre Virginio Bebber, Direttore della Casa di Cura San Camillo di Cremona, in occasione della Festa di San Camillo, presso la Casa di Cura in via Mantova.

| Scritto da Redazione
Cremona Festa di San Camillo, inaugurata il riqualificato reparto Cure palliative con il vescovo Lafranconi

Cremona Festa di San Camillo, inaugurata il riqualificato reparto Cure palliative con il vescovo Lafranconi

Professione sanitaria, una missione al servizio del prossimo.Una folla di fedeli, autorità ha presenziato alla S. Messa, celebrata dal Vescovo emerito di Cremona, Mons. Dante Lafranconi e Padre Virginio Bebber, Direttore della Casa di Cura San Camillo di Cremona, in occasione della Festa di San Camillo, presso la Casa di Cura in via Mantova.

Tra le autorità civili e militari presenti, il consigliere provinciale Rosolino Azzali in rappresentanza del Presidente della Provincia ed Enrico Manfredini, delegato del Sindaco di Cremona.

Nella sua omelia il Vescovo Emerito di Cremona ha fatto presente come il servizio alla persona, ai malati, che è una missione, deve esser fatta di attenzione amorevole, non schiava della tecnologia, nell'ambito curativo, ma ausilio.

E' seguita poi la benedizione del riqualificato reparto Cure palliative della Casa di Cura di San Camillo: " La carità di Camillo sboccia come un fiore in questo spazio rinnovato a servizio di chi è più fragile e debole, di chi ha bisogno di essere accompagnato nel suo percorso di vita. Segno di carità, segno di attenzione verso la persona malata che rimane sempre al centro dell’attenzione di noi camilliani e di chi con noi collabora a rendere concreto, nelle cure sanitarie, la vicinanza a chi soffre - ha precisato padre Virginio Bebber - E’ uno spazio in cui sono state allocate 13 stanze singole a cui fanno da corollario i vari servizi necessari per un reparto ospedaliero. Si è voluto ricreare anche uno spazio famigliare, di casa, è il locale tisaneria che è luogo di incontro, ma anche luogo dove si possono recuperare gesti, momenti usuali in una famiglia. E’ stato uno sforzo economico importante da parte della comunità religiosa e della Fondazione Opera San Camillo". Dopo il taglio del nastro ed i ringraziamenti al personale medico-sanitario ed amministrativo, è seguita la visita al reparto.

Nello specifico, l’intervento di ristrutturazione  ha riguardato il rifacimento sia della parte impiantistica che strutturale, con il risultato di disporre di nuove aree, con un locale per la caposala, un locale per gli infermieri, un gabinetto medico,  due studi per i medici e tre stanze singole per i pazienti a cui si aggiunge un locale tisaneria ad uso dei pazienti e dei parenti. Si è provveduto, poi, a controsoffittare  tutti i locali e il corridoio, ottenendo così  un risparmio energetico  sia per il riscaldamento che per il raffrescamento. Il risultato è un armonioso susseguirsi dei vari locali che rendono più accogliente il reparto per pazienti e familiari, proprio nell'ottica della mission dei Camilliani “ero ammalato e  mi avete  visitato. Beato chi consumerà la sua vita in questo santo servizio"

597 visite

Articoli correlati