Sabato, 15 maggio 2021 - ore 14.29

Cremona L’NDAMENTO DELLA PANDEMIA ATTRAVERSO LA CULTURA

Il 2020 è stato un anno particolarmente difficile per il mondo della cultura, segnato dalla chiusura di musei, cinema e teatri ....

| Scritto da Redazione
Cremona L’NDAMENTO DELLA PANDEMIA ATTRAVERSO LA CULTURA

Cremona L’NDAMENTO DELLA PANDEMIA ATTRAVERSO LA CULTURA

 Il 2020 è stato un anno particolarmente difficile per il mondo della cultura, segnato dalla chiusura di musei, cinema e teatri come misura preventiva per contrastare la pandemia.

Anche la Provincia di Cremona inevitabilmente ha risentito fortemente della situazione generale ma, dichiara il Vice Presidente della Provincia e delegato alla cultura e turismo, consigliere provinciale Giovanni Gagliardi, “pur essendo il 2020 un anno eccezionale, la Provincia, attraverso il suo Ufficio Statistica, ha voluto comunque proseguire con la rilevazione iniziata nel 2013, chiedendo ai musei, alle aree archeologiche e ai castelli provinciali i dati relativi al flusso mensile dei visitatori, per quantificare anche a livello locale le perdite subite in questo settore, almeno in riferimento al numero di ingressi”.

Prosegue Gagliardi sottolineando che “i numeri spesso sono eloquenti e, come in questo caso, l’andamento degli accessi museali rappresenta la puntuale e fedele proiezione della evoluzione della pandemia. Come si potrà notare dai dati che seguono, l’andamento degli ingressi ai musei è stato segnato dalle chiusure e dalle aperture, oltre che dalle restrizioni adottate a livello regionale e nazionale per combattere la pandemia, anche se il clima generale di timore ha frenato comunque le visite tant’è che anche nei mesi di “quasi normalità” i numeri del 2020 sono stati ampiamente al di sotto di quelli dei corrispondenti mesi nel 2019. Dai circa 16.000 e quasi 22.000 ingressi di settembre e ottobre 2019 si è passati ai 6.800 e e 6.700 per i medesimi mesi nel 2020. Solamente quando la pandemia sarà alle spalle il sistema museale della provincia potrà riprendere, anche con maggiore forza,  il trend positivo registrato negli ultimi anni”.

I musei, le aree archeologiche ed i castelli del territorio provinciale che hanno collaborato a questa rilevazione sono stati 23. Gli ingressi totali sono stati 51.859, circa un quarto di quelli registrati l’anno prima, con un calo rispetto al 2019 di 166.334 visitatori, il 76,23%.

 Vedi allegato

Allegati Pdf:

Allegato PDF 1

197 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online