Giovedì, 19 ottobre 2017 - ore 14.58

Cremonese-Ternana 3-3 Va bene così di Giorgio Barbieri

Alla fine va bene così. Il 3-3 finale fra Cremonese e Ternana va preso come un punto guadagnato. Da apprezzare in una giornata più grigia che rossa il carattere del gruppo, che nella ripresa è riuscito a recuperare un risultato che suonava come una sconfitta certa.

| Scritto da Redazione
Cremonese-Ternana 3-3 Va bene così di Giorgio Barbieri

Non è certo una novità, tante volte in Lega Pro l'anno scorso la squadra ci aveva abituato a queste rimonte quasi impossibili. Prendiamoci dunque il punticino, che in serie B va sempre bene, ma non sottovalutiamo i tanti errori che la squadra ha commesso in campo.

Partendo proprio dal black out della fine del primo tempo, quando è riuscita nell'impresa di incassare tre gol in quattro minuti (42', 45', 47') uno dietro l'altro senza opporre resistenza. Errori in fase di interdizione in mezzo al campo, amnesie della difesa, testa fuori giri. Il primo ed il terzo gol della Ternana (che si è dimostrata squadra propositiva e brillante, con uno stratosferico Defendi a centrocampo) sono frutto di mancati interventi o di passaggi sbagliati nella zona nevralgica del campo, con due tagliafuori che hanno liberato davanti a Ravaglia gli avversari. Sul gol di testa di Signorini, quello dell'1-2 non c'è nulla da ccepire, sul calcio d'angolo è andato alla perfezione ad incornare di potenza. In questo caso non ci sono colpevoli. Ma i gol no sono arrivati in modo casuale, era da un bel po' che la Ternana spingeva, con un gioco a due tocchi e poco prevedibile. Con una Cremonese incapace di uscire dalla propria metà campo, con le due punte là davanti abbandonate a sè stesse. A proposito di punte. Mokulu fa il suo, non sarà bello da vedere ma lotta e anche oggi ci ha regalato il gol del 3-3. Paulinho tocchetta bene la palla ma non va mai al tiro. E non mi è piaciuta la sua uscita polemica al momento del cambio quando non ha voluto ricambiare la mano al tecnico Tesser. I campioni sono anche quelli che sanno accettare le decisioni del loro allenatore. E la tribuna non ha diogerito questo atteggiamento.

Va detto che la formazione d'inizio gara non è sembrata in grado di reggere la forza anarcoide della Ternana. Molto meglio quando Tesser ha mandato in campo tre della vecchia guardia: Brighenti, Scappini e Perrulli. Scappini ha segnato un gol straordinario, in quel modo solo un attaccante vero può infilare la porta. E due minuti prima aveva fatto fare bella figura al portiere con una rovesciata da applausi. Perrulli ha creato scompiglio, pur sbagliando molto. E Brighenti ha dato peso all'attacco. La rimonta ancora una volta porta la firma di Scappini, un giocatore che dovrebbe essere titolare per le sue qualità. A lui è anche toccata la palla del 4-3 ma va detto che l'assist di Perrulli doveva essere rasoterra e non a mezza altezza. Strana anche l'ingenuità di Ravaglia sul retropassaggio di Pesce, prendere la palla con le mani ha creato un pericolo davvero grande a pochi minuti dalla fine.

Ecco perchè dico che è andata bene. E' il terzo pareggio consecutivo che ci fa rimanere a metà classifica. Ma attenzione, questa serie B è complicata. E se ti fermi un attimo a pensare o a prendere fiato vedi tutti gli altri che ti sorpassano. Oggi è bastato il carattere per effettuare la rimonta, ma non sempre sarà così.

386 visite

Articoli correlati