Martedì, 17 settembre 2019 - ore 11.03

Dedicàada a n’ariùus vilàan! ‘…èl cüül, èl dìit!’ di Giorgino Carnevali (Cremona)

Gianni Carlo, amico mio e buon direttore, salve. Ricordi chi era il “villano”? Quella persona priva di garbo e cortesia, rozza, maleducata, che sovente si comportava in maniera poco educata, socialmente da evitare? Ricordi anche quel detto: “Scherzi di mano, scherzi da villano”?

| Scritto da Redazione
Dedicàada a n’ariùus vilàan! ‘…èl cüül, èl dìit!’ di Giorgino Carnevali (Cremona)

Ebbene quell’epiteto ricorre ora in codesta historiella. Sai, non è affatto uno sproposito parlare di “vecchi detti”, di filastrocche, di ritornelli e quant’altro riusciva ad intrattenerci (solo ieri, dubito nell’oggi!) con indimenticabili “rime baciate” nel nostro sincero e spontaneo dialetto, per conoscere meglio la civiltà della nostra gente, tuttavia tento di fornirtene un assaggio. E non era l’arte del niente quella, sviluppata unicamente da buontemponi ossessionati da una insaziabile libertà di espressione fino al delirio, gestita da opinioni comode e personali, ma un vero patrimonio di valori artistici, troppo spesso  dimenticato e trascurato invece da certi amanti di una pseudo composizione letteraria molto simigliante ad una raccolta differenziata di rifiuti, e per di più “tossici”. Al di là di tutto questo, “vorrotti” (ti vorrò!) esplicitare giusto quattro “versetti” dialettali, che bene sintetizzano la “villania” di certi villani, appunto, che s’adopravano  sudiciamente nella pulizia corporale. Presumo che quei versetti abbiano fondamenta e radici lontane, addirittura ottocentesche. Versetti che venivano narrati a me, fanciullino birichino, a guisa di “diario quotidiano”, da quel grande uomo che fu mio nonno, ogni qual volta m’osservava (lui burbero ma innocuo), in atteggiamenti non inclini al galateo corporale in generale. Ed allora senti, nella convinzione certa che tu stesso da subito mi libererai dal peccato (non voluto) di “scurril vergata”.

Me càpita de rivìiver i bèi tèemp antìich,

quàant le brögne l’è fìiva amò i fìich.

Se dìis che chi na cöönta de còte e de pelàade,

sulitamèent el pruferìs de le gràan bagianàade.

Chèl che invece andaròo a racuntàate, la sa nisöön,

tàanto che la sa adìritüüra…pòpol e cumöön!

E te la cüntaròo semplicemèent cùma lò savìida,

sebèen la pasièensa d’i tòo paizàan la sia infinìida.

Perchè se èl cùnuser èl ièer, l’incòo e ‘l dumàan,

l’è ròba de Dio e mìia cèerto de te, bröt vilàan,

scùulta bèen i cunsìli, sopratöt chèi che te do me,

ma a la fìin de la sunàada, fa cùma te vòorèt  te.

“…chi cul dìit el cüül èl se nèta,

tòosto in bùca èl se la mèta,

restarà, infìin, cùse bèl pulìit,

tàant èl cüül…quàant èl dìit!”.

Del rèst mia per nièent ugnöön gà èl so vìsi,

te “te” fömèt, mè bèevi en bicerèt e dòpo el pìsi.

A me “me” piàasi cùse, padròon de fàa e desfàa,

perché l’è vergòta che töti i vurarès propia pruàa.

E chiudo. Ironia a parte la mia speranza è che la gravità della situazione in cui versavano davvero certi villani si sia trasformata, nel tempo, in un risveglio della ragione. Al finire rammenta che soltanto con gli amici più stretti ci raccontiamo le storielle più stupide, come per rendere un implicito omaggio alla loro raffinatezza intellettuale. Con gli altri facciamo i brillanti, sfoggiamo il nostro sapere, ce la tiriamo….! Ciao, soprattutto grazie per la paziente attenzione.

Giorgino Carnevali (Cremona) 

1446 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online