Venerdì, 13 dicembre 2019 - ore 06.37

Filcams-Cgil L'iniziativa Backstage, il sindacato va in spiaggia per i diritti

La campagna Filcams sta girando i luoghi più importanti e più visitati del Paese, con lo slogan "Il lavoro che non vedi vale". Obiettivo informare gli addetti sulle proprie tutele e sensibilizzare i turisti sulla professionalità che c'è dietro ai servizi

| Scritto da Redazione
Filcams-Cgil L'iniziativa Backstage, il sindacato va in spiaggia per i diritti

Filcams-Cgil L'iniziativa Backstage, il sindacato va in spiaggia per i diritti

La campagna Filcams sta girando i luoghi più importanti e più visitati del Paese, con lo slogan "Il lavoro che non vedi vale". Obiettivo informare gli addetti sulle proprie tutele e sensibilizzare i turisti sulla professionalità che c'è dietro ai servizi

Vieste, Stintino, Livorno, e poi Genova, Trani, Ischia, Cagliari e Ostia. "Backstage", la campagna di informazione e sensibilizzazione della Filcams Cgil sta girando tutta la costa e i più importanti luoghi turistici del Paese, con il duplice obiettivo di informare i lavoratori sui propri diritti e permettergli di affrontare la loro esperienza con più consapevolezza, ma anche sensibilizzare turisti e cittadini su quanto lavoro, professionalità e impegno c’è dietro il servizio di cui usufruiscono. Il lavoro che non vedi, vale: questo il leitmotiv della comunicazione. Lo riferisce, in una nota, lo stesso sindacato.

"Sai che lavoro c’è dietro la tua vacanza? - si chiede la sigla -. Quanta professionalità e impegno per offrire un’ottima cena, una stanza pulita e ordinata, una spiaggia sicura, una visita archeologica perfetta? Vi siete mai chiesti se nel vostro ristorante preferito i lavoratori hanno il giorno di riposo che gli spetta o il giusto compenso?" Quasi 40mila receptionist, guide, custodi; più di 13mila bagnini; circa 480mila dipendenti della ristorazione tra camerieri, lavapiatti, chef e oltre 70mila lavoratori negli alberghi, durante l’estate vanno ad aggiungersi agli oltre 900 addetti del settore.

"Non sempre però i contratti di lavoro rispettano le regole, non sempre gli accordi presi vengono mantenuti o la busta paga (quando c’è) corrisponde al monte ore lavorato, ma non sempre i nuovi assunti conoscono i loro diritti: possono essere tante le forme di irregolarità che nascondono zone di lavoro nero o grigie" Per questo la Filcams "presidierà i luoghi di turistici, le spiagge, per aumentare la consapevolezza e migliorare la conoscenza di lavoratori e cittadini, con tante e diverse iniziative".

In Puglia, per esempio, dove la Cgil, insieme a Filcams e Nidil, sta promuovendo #OkLavoro, il bollino etico che certifica la qualità dell’occupazione. Una sfida lanciata al mondo imprenditoriale chiedendo di autocertificare la propria azienda circa il rispetto del contratto e delle misure di sicurezza. Le attività che aderiranno potranno sfoggiare il bollino, che potrà orientare anche il consumatore verso scelte eticamente coerenti e che sarà pubblicizzato dai canali di comunicazione della confederazione.

La Filcams, in definitiva ,"vuole migliorare le condizioni di chi lavora, facendo rispettare le regole e combattendo gli abusi. Formazione, professionalità e qualità sono indispensabili per il turismo, settore volano per l’economia italiana, e per offrire e ottenere un servizio soddisfacente".

321 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria