Giovedì, 14 novembre 2019 - ore 03.16

Filitalia ROBERTA SORGATO CON ‘ANIMA E DINTORNI’ VINCE LA 2° EDIZIONE DISPATRIATI A SOVERATO

Un’iniziativa della Fondazione italo-americana Filitalia. La seconda edizione del Premio Dispatriati, 2016-17, realizzato attraverso la collaborazione della Fondazione Filitalia International con sede a Philadelphia PA Usa e la casa editrice Mazzanti Libri di Venezia con il ruolo di soggetti organizzatori i Chapter Filitalia di Roma e Venezia, che ha visto la partecipazione 32 opere concorrenti, è stata vinta dalla trevigiana Roberta Sorgato con il romanzo Anima e Dintorni.

| Scritto da Redazione
Filitalia ROBERTA SORGATO CON ‘ANIMA E DINTORNI’ VINCE LA 2° EDIZIONE DISPATRIATI A SOVERATO Filitalia ROBERTA SORGATO CON ‘ANIMA E DINTORNI’ VINCE LA 2° EDIZIONE DISPATRIATI A SOVERATO Filitalia ROBERTA SORGATO CON ‘ANIMA E DINTORNI’ VINCE LA 2° EDIZIONE DISPATRIATI A SOVERATO

Filitalia ROBERTA SORGATO CON ‘ANIMA E DINTORNI’ VINCE LA 2° EDIZIONE DISPATRIATI A SOVERATO (CZ).

Un’iniziativa della Fondazione italo-americana Filitalia. La seconda edizione del Premio Dispatriati, 2016-17, realizzato attraverso la collaborazione della Fondazione Filitalia International con sede a Philadelphia PA Usa e la casa editrice Mazzanti Libri di Venezia con il ruolo di soggetti organizzatori i Chapter Filitalia di Roma e Venezia, che ha visto la partecipazione 32 opere concorrenti, è stata vinta dalla trevigiana Roberta Sorgato con il romanzo Anima e Dintorni.

L’annuncio è avvenuto nel corso della serata svolta nella Sala Consiliare del Municipio di Soverato (Cz) sabato 5 agosto 2017.

“Il Premio quest’anno fa tappa in Calabria – ha sottolineato la Presidente del Chapter di Roma, Stefania Schipani, nata a Catanzaro – dopo che la prima edizione si è svolta a Roma, per la volontà di richiamare l’attenzione su un fenomeno sociale come quello migratorio fortemente connesso con la mancanza e la ricerca di lavoro, anche qualificato, che coinvolge i giovani del nostro Sud”. Presenti molti sindaci e personalità della costa jonica calabrese, ospite d’eccezione è stato il giudice Erminio Amelio (fratello del regista Gianni) e autore del romanzo “L’incontro” un’opera che parla, appunto di emigrazione, immigrazione e integrazione. Lo stesso padre degli Amelio è stato un emigrante. Erminio Amelio, magistrato, è nato a San Pietro Magisano (Catanzaro), vive e lavora a Roma.

La serata – aperta al pubblico – è stata anche l’ occasione per la presentazione del libro “Da Isca a Filadelfia” (edito dalla Mazzanti Libri) di Pasquale Nestico, che da muratore a cardiologo di fama, partendo dalla Calabria per approdare negli Stati Uniti, è l’esempio in carne e ossa di emigrato integrato e di successo. "Sento di essere un uomo che viene dalla gavetta, da matrici forti, da un duro tracciato di vita, dal percorso dell’uomo comune, dall’umiltà, dalla voglia di sapere, dalla disciplina della famiglia, da una crescita anche rigida fin da bambino: da queste radici così vive, così profonde, fondamenta solide, su cui costruire” – ha sottolineato Nestico,fondatore di Filitalia International - Sono un uomo con tre vite, scandite nei tre modi con cui viene pronunciato il mio cognome: Nesticò in Calabria, Nèstico nel resto dell’Italia, Nestìco negli Stati Uniti. (…) Ho voluto narrare la mia vita fin qui, in tutta semplicità e umiltà, descrivendo il mio percorso senza giudicarlo, provando a tracciare momenti e fatti di vita reale, con la speranza che qualche giovane lettore possa trovarvi ispirazioni valide. Vi regalo la mia storia, da muratore a soli tredici anni in Calabria a professore universitario di cardiologia negli Stati Uniti, da padre di famiglia a fondatore di un’associazione internazionale, a tutto il resto che scoprirete leggendo". Il professor Nestico è stato accompagnato nel suo viaggio nella terra d’origina, dalla moglie Anna, dalla ex presidente di Filitalia International Rosetta Miriello e dal governatore del distretto italiano, Daniele Marconcini.

L’opera vincitrice sarà pubblicata nel corso dell’anno 2017. La prima edizione del premio è stata assegnata all’opera “Izourt” della torinese Renza Bandiera, che narra la tragica vicenda di molti italiani morti sul Pirenei francesi nell’inverno del 1938, mentre lavoravano alla costruzione di una diga.

Il Premio Dispatriati, è dedicato ad opere il cui contenuto sia relativo al tema dell’emigrazione e dell’immigrazione. Il titolo è un omaggio allo scrittore veneto di Malo (Vicenza), Luigi Meneghello che ha vissuto in Inghilterra come docente universitario di italianistica, ma che si è definito appunto “di-spatriato”.

Filitalia International è una fondazione nata a Filadelfia (Usa) per promuovere la cultura italiana e mantenerne vivo lo spirito presso gli emigrati italiani negli Stati Uniti d’America. Dagli Stati Uniti ha esteso la sua azione in Sud America ed in Europa. In Italia, dopo la costituzione dell’omonima associazione affiliata alla fondazione americana, sono sorti dal 2012 ad oggi numerosi Chapter nelle principali città della penisola.

ME Publisher, casa editrice con sede a Venezia e New York, attiva nel settore librario e-book e tradizionale con il marchio Mazzanti Libri, opera nei settori della Narrativa e Saggistica. Oltre a pubblicare la rivista di Affari Internazionali (bilingue italiano/inglese) Atlantis.

 

 

1273 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online