Venerdì, 10 aprile 2020 - ore 21.20

Gherardo Colombo maestro a Dovera

| Scritto da Redazione
Gherardo Colombo maestro a Dovera

GHERARDO COLOMBO MAESTRO A DOVERA: ECCO PERCHE’ SI PAGANO LE TASSE E PERCHE SI VA A SCUOLA
INCONTRO SULLE REGOLE ALLA SALA DEL CONSIGLIO COMUNALE
“Perché noi ragazzi non possiamo votare prima dei 18 anni?”. “Perché non posso scrivere o disegnare sui muri?”. “Perché si deve andare a scuola, studiare e ascoltare le maestre?”. “Perché si pagano le tasse?”.
Non sempre è facile capire le regole. E non sempre si comprendono. Ieri mattina nella sala del consiglio comunale di Dovera, a spiegare i perché dei ragazzi delle classi quinte di Dovera e Postino ci ha provato Gherardo Colombo. Invitato dal maestro Alex Corlazzoli, con il dirigente dell’istituto Alessandro Samarani e il sindaco Franco Mosetti, l’ex magistrato di Mani Pulite, ha per tutta la mattinata risposto alle domande degli allievi che avevano elaborato un lavoro sulle regole che non piacciono. Una lezione-dialogo giocata sui toni scherzosi e sul colloquio con i ragazzi. Colombo ha risposto a tutti gli interrogativi dei ragazzi: ha spiegato loro che “studiare e imparare e quindi anche ascoltare la maestra è per poter avere la libertà di scegliere”. L’ex pm è stato incalzato più volte dai ragazzi sul tema della parità tra uomo e donna a partire dalla domanda di un ragazzo: “Scusi lei dice che i diritti degli uomini sono uguali a quelli delle donne ma allora perchè il capo famiglia è il papà?”. Colombo ha ricordato, con parole semplici e adeguate, che dal 1975 non è più così, ed è riuscito a mostrare ai ragazzi che l’art.143 del Codice Civile prevede che “nessuno può essere il capo famiglia”. Interessanti anche i dubbi sulle tasse: “Vengono alzate quando c’è la crisi del Governo?. Colombo ha illustrato a cosa servono le tasse senza nascondere che in Italia “purtroppo molti non le pagano e quindi vi sono tasse più alte”. Qualcuno ha messo l’accento sugli atteggiamenti individuali: “Perché quando mi arrabbio non posso picchiare?”. Pronta la risposta del giudice: “Quando si picchia non si insegna a pensare ma a ubbidire. Chi picchia non pensa”. E ai bambini che facevano notare come anche i genitori picchino, l’ex pm non ha nascosto la sua ferma contrarietà: “Dare ceffoni ai ragazzi è vietato dalla Legge”.

1021 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

Padania Acque: Attivazione ufficiale casa dell’acqua per l’ospedale da campo di Crema alla presenza delle autorità

Padania Acque: Attivazione ufficiale casa dell’acqua per l’ospedale da campo di Crema alla presenza delle autorità

Presenti il Presidente di Padania Acque Claudio Bodini, l’assessore del Comune di Crema alla cura del territorio Fabio Bergamaschi, l'Amministratore Delegato di Padania Acque Alessandro Lanfranchi, l’assessore alla cultura del Comune di Crema Emanuela Nichetti, il direttore socio sanitario dell'Asst di Crema Pier Mauro Sala, il presidente della Protezione Civile di Crema Giovanni Mussi e alcuni volontari.