Lunedì, 20 maggio 2024 - ore 11.03

Gianni Cuperlo (Pd) La tragedia di Crotone: quei migranti potevano essere salvati

Da ieri il pensiero corre lì, su quella spiaggia di Crotone e non si può che partire da questo.

| Scritto da Redazione
Gianni Cuperlo (Pd) La tragedia di Crotone: quei migranti potevano essere salvati Gianni Cuperlo (Pd) La tragedia di Crotone: quei migranti potevano essere salvati

Gianni Cuperlo (Pd) La tragedia di Crotone: quei migranti potevano essere salvati

Da ieri il pensiero corre lì, su quella spiaggia di Crotone e non si può che partire da questo.

Kr14f9. Ho letto questa sigla riportata da Repubblica e non sai come dartene ragione. Credo di aver capito che si debba leggere così.

“Crotone, quattordicesimo corpo recuperato e classificato, femmina, nove anni”.

Qualunque commento non può che arenarsi qui. Di corpi avvolti in un sacco bianco adagiati uno accanto all’altro ce ne sono decine, sessantuno a oggi ma le ultime notizie parlano di un numero assai più alto e tragico.

Stamane ho anche ascoltato le parole del ministro dell’Interno. Ha detto quale secondo lui è l’unica reazione possibile di fronte all’ultima tragedia annunciata. “Non bisogna farli partire”, più o meno questo il messaggio e il senso.

Non bisogna farli partire? A morire annegati perché quel barcone si è spezzato a metà o perché, poco prima, gli scafisti a bordo, scambiando le luci della costa per una vedetta della polizia, avevano scaraventato fuori bordo corpi esausti, sono state donne, uomini, bambini in molti casi afghani. Vuol dire persone fuggite dal loro paese dopo che nel 2021 da Kabul eravamo fuggiti noi occidentali riconsegnando il paese ai talebani.

La premier ha chiesto di non speculare sui morti. Se lo pensa davvero chiami a Palazzo Chigi il suo ministro dell’Interno e gli rivolga l’invito a non speculare sui morti.

Lo scrivo per una seconda ragione, se possibile a conferma di una tragedia nella tragedia. Per farlo cito dal sito Open.

“Orlando Amodeo, medico soccorritore a Crotone e per lunghi anni dirigente medico della polizia di Stato, lancia accuse forti sul naufragio di oggi al ministro dell’Interno: “Quei migranti potevano essere salvati. Non è vero che le condizioni del mare, come dicono Interni e Fiamme Gialle, rendevano impossibile avvicinare la barca dei migranti. Noi abbiamo imbarcazioni in grado di affrontare il mare anche a forza 6 o forza 7. Io sono salito a bordo di quelle imbarcazioni, qui in questi anni, e abbiamo compiuto salvataggi in condizioni simili”.

Amodeo lo ha detto in diretta a Non è l’Arena di Massimo Giletti su La7. “Perché ancora chiacchieriamo su questo? La vita è sacra per tutti, basta con i porti chiusi, i porti aperti, il blocco navale, lo sblocco navale”, ha aggiunto Amodeo, “bisogna aiutare queste persone a venire qua con delle navi e con degli aerei: gli scafisti li inventiamo noi, se Italia ed Europa diventassero più umane non ci sarebbero più scafisti e queste tragedie non esisterebbero più”.

Ritirare quell’osceno decreto contro le Ong è il primo passo da fare e per riuscirci penso si debbano usare tutti i mezzi che l’attività parlamentare e la mobilitazione popolare mettono a disposizione. Quanto all’Europa, sul fronte dei migranti ha svenduto l’anima.

Non soccorrere persone che stanno annegando è un crimine. Qui sopra ne abbiamo scritto decine e decine di volte avanzando e motivando le proposte che quell’anima saprebbero recuperare.

Oggi bisogna tornare a dirlo, ma soprattutto a farlo perché questa strage si doveva e poteva evitare.

Roma 27 febbraio 2023

636 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online