Mercoledì, 18 settembre 2019 - ore 13.57

Il Comites di Hannover continua le sue attività come ha sempre fatto.

Nelle sede del nostro comitato i connazionali sbrigano le pratiche pensionistiche

| Scritto da Redazione
Il Comites di Hannover continua le sue attività come ha sempre fatto.

Infatti venerdì 14 novembre 2014 , dalle 10,00 fino alle 16,00  nella sede del comites di Hannover il Presidente Giuseppe Scigliano ed il consigliere Angelo De Mitri hanno accolto diversi connazionali.

Alcuni hanno sbrigato pratiche di pensioni, come molti sanno, De Mitri è il nostro esperto del patronato qui ad Hannover, ed altri sono appena arrivati dall'Italia e quindi hanno dato loro una consulenza per come muoversi sul territorio.

Altri ancora, appena arrivati dall’Italia, sono venuti per interesse alla  squadra di calcio "us figli d'Italia 09" di cui Scigliano è Presidente.

Quindi, visto che hanno rimandato le elezioni si continua le attività e sono già programmate tre appuntamenti a dicembre. Uno con gli anziani, uno con i nuovi arrivati ed uno con i giovani. In tutti gli appuntamenti sono previsti momenti conviviali.

Giuseppe Scigliano, sciglianopeppe@aol.com

893 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

BRUXELLES\ aise\ L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE PER LA PREVENZIONE E LA CURA DEL CANCRO: 35 MILIONI DI EURO DALL’UE

BRUXELLES\ aise\ L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE PER LA PREVENZIONE E LA CURA DEL CANCRO: 35 MILIONI DI EURO DALL’UE

La Commissione europea ha aperto oggi, 9 luglio, un invito a presentare proposte, con uno stanziamento di 35 milioni di euro, a favore dello sviluppo dell’analisi delle immagini medicali per la diagnosi del cancro, basata sull’intelligenza artificiale, e di altri strumenti e tecniche di analisi per la prevenzione, la previsione e la cura delle forme più comuni di cancro.
Dove in Europa si passa più tempo al lavoro (mappa). In Italia la media è 33 ore settimanali

Dove in Europa si passa più tempo al lavoro (mappa). In Italia la media è 33 ore settimanali

I dati sono del 2016, quindi piuttosto recenti (e la mappa è realizzata dal sito jakubmarian.com). Seguono la grande crisi economica che ha colpito, in maniera diversa, vari Paesi d’Europa, e rendono un’idea abbastanza chiara dei modelli economici che vanno per la maggiore, e anche del perché di alcune differenti statistiche. Come quelle sull’occupazione.Forse può essere una sorpresa per qualcuno, ma è proprio nell’austera Germania che si lavora di meno. Meno che in Italia, che in Grecia, che in Russia.