Lunedì, 27 gennaio 2020 - ore 12.38

L'ECO FORUM DEI LETTORI - Sardine in salsa piddina? Quando il pesce puzza dalla testa...

lecodelpopolo@gmail.com - Riceviamo e pubblichiamo

| Scritto da Redazione
L'ECO FORUM DEI LETTORI - Sardine in salsa piddina? Quando il pesce puzza dalla testa... L'ECO FORUM DEI LETTORI - Sardine in salsa piddina? Quando il pesce puzza dalla testa... L'ECO FORUM DEI LETTORI - Sardine in salsa piddina? Quando il pesce puzza dalla testa... L'ECO FORUM DEI LETTORI - Sardine in salsa piddina? Quando il pesce puzza dalla testa...

Egr. direttore,

le Sardine sono giunte anche a Cremona a manifestare in Piazza della Pace che per scherzo del destino, è l’ex Piazza del Pesce. Un pesce che puzza e vediamone i perché.

Lo dico in premessa e fuori dai denti: non ho mai provato alcuna simpatia verso questo movimento. L’ho sempre rispettato in quanto mi pareva comunque una forma nobile di partecipazione della “società civile” alle questioni politiche. E qui casca l’asino: quali richieste e quale impegno si sono dati, oltre le piazze? Ad oggi nessuno.

 

Il ricordo corre al movimento analogo, dichiaratosi apartitico, dei “Girotondi” costituitosi nel 2002 per protestare contro gli attacchi del secondo governo Berlusconi nei confronti della giustizia italiana.

Seppure in un contesto storico certamente assai diverso, è significativa (grazie soprattutto ai social media) l’accelerazione impressa agli eventi senza che si sia potuto fare una profonda elaborazione dei fatti.

I Girotondi, capitanati dal regista Nanni Moretti, vennero avvicinati dall’allora segretario dei DS, Piero Fassino. Dopo una prima intesa, la mancanza di organizzazione del movimento, da una parte, e della non volontà del nuovo leader, dall’altra, Sergio Cofferati (ex CGIL) che preferì concorrere alla carica di sindaco di Bologna, piuttosto che sfidare nel 2003 Massimo D’Alema per assumere la guida della sinistra, ne decretarono la sparizione nel giro di un anno.

 

Oggi, pare che la similitudine delle Sardine ai Girotondi, almeno sul piano della parabola esistenziale, si compirà nel giro di qualche settimana.

Sono notizie di queste ultime ore della “vicinanza” (per usare un eufemismo) del PD a questo movimento “spintoneo”. L’ennesimo errore tattico di un PD che non ha mai fatto il salto culturale verso la socialdemocrazia, rimanendo a metà del guado, lasciandosi liquefare (come del resto ci vorrebbe imporre l’attuale modello di sviluppo a trazione turbo capitalista) pare finirà con la sua corsa proprio alle foci del Po nell’abbraccio mortale con le Sardine.

Errori tattici a parte, dal segretario del partito nazionale di centro sinistra, ci aspetteremmo anche un minimo di senso strategico, ma tant’è, l’”Arte della guerra” di Sun Tzu non è sicuramente il best seller del mese... Proprio Zingaretti, qualche giorno fa, riempiva di lusinghe il presidente del consiglio Giuseppe Conte, lasciando intendere ai grillini che se mai si dovesse andare al voto, anche anticipato, e come del resto è già avvenuto a livello regionale, l’intesa fra i Dem e i 5stelle, può e deve proseguire oltre l’esperienza di questo governo. Come a dire: <<ragazzi, in casa non ne abbiamo più>>!

Ecco che il pesce puzza e come recita il vecchio adagio, quando puzza, puzza dalla testa!

Perfino l’”ultimo giapponese”, il vignettista di sinistra sicuramente non ostile al PD, Vauro Senesi, ha mollato il colpo, presagendo, nella sua ultima caricatura al leader democratico, l’ineludibile fine.

 

Non esiste nulla di terreno che sia duraturo all’infinito, come non esiste nulla che possa avere un tempo “ragionevole” per esprimere dei valori che non nasca in così breve tempo e nella dimensione alla quale abbiamo assistito come nel caso delle Sardine. L’esito scontato, è una fine altrettanto rapida. Pare che dai tempi della fusione a freddo che diede vita al PD (2007) di essere giunti alla sua sublimazione (passaggio di stato da solido a gassoso) con l’aggiunta di due additivi mortali: il M5S e le Sardine.

Gli anticorpi, a mio avviso, risiedevano nel Socialismo, ma questa è (o sarebbe stata) un’altra storia.

 

Lettera Firmata

246 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria