Sabato, 26 settembre 2020 - ore 04.34

L'ECO - El Corona-Virus

lingua del territorio e cultura popolare

| Scritto da Redazione
L'ECO - El Corona-Virus

Àan se ’l è pròpia piculìin

el n’à mìs a “pàan e pesìin”

e per ‘ndàa fóora, fìn da la matìna

te gh’èet de metìite la maschérina.

 

E pò, àan se te séet mìia ansiàan

te tùca, de spès, lavàate li màan;

cuzé i te dìis de stàa in cà

e de ‘ndàa fóora apèena per necesità.

 

Ma àan se la primavéera la và avàanti

per el paées gìira li màchini cun j altoparlàanti

che li te fà paüüra e mìla racumandasiòon

àan se li stèsi ròbi te li sèentet in televiziòon.

-

E se te vóot mìia d’i màai de pàansa,

cun li persùni… mizüüra en méter de distàansa.

ma intàant, però, se impièena j uspedàai

e, i malàat, i sa gnàan pö cùma fàa a ciapàai…

 

Ma nuàalter spéerum amò che ‘l “virus” el finirà

per turnàa, bèen o màal, a la nòostra libertà.

 

 

Giàcinto Zanetti, dopo aver prestato servizio per trentanove anni come maestro elementare, di cui gli ultimi ventidue presso la scuola di Bonemerse, ha prolungato la sua attività insegnando il dialetto, come opzionale, presso le classi quarte della Scuola Sacra Famiglia di Cremona . Ama comporre poesie in vernacolo e da fine dicitore le propone negli incontri richiesti da varie Associazioni, organizzati dal gruppo, a cui da tempo ormai appartiene, El Zách .

467 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria