Sabato, 13 agosto 2022 - ore 05.23

La Svizzera fa i conti con i suoi detenuti anziani

| Scritto da Redazione
La Svizzera fa i conti con i suoi detenuti anziani

Uno studio realizzato dalla Swiss National Science Foundation dimostra come il sistema carcerario svizzero non sia pronto ad affrontare l’incalzante invecchiamento della propria popolazione carceraria. E’ sempre maggiore infatti il numero di detenuti over 60 che affollano le prigioni elvetiche; per fare qualche numero, nel 2008, più dell’11% dei carcerati svizzeri superava i 50 anni e quasi un terzo di questi erano ultrasessantenni. E’ quindi necessario, secondo i ricercatori, apportare alcune modifiche al sistema che tengano in considerazione le diverse esigenze e problematiche di questa fascia d’età. Innanzitutto, suggerisce lo studio, sarebbe bene tenere i detenuti anziani separati da quelli più giovani, per ragioni sociali, di sicurezza e perché le attività quotidiane svolte dai più giovani risultano più pesanti per loro. Inoltre, le interviste effettuate hanno evidenziato come gli anziani siano molto più preoccupati rispetto ai giovani di quella che sarà la loro vita dopo la detenzione, quando dovranno affrontare le problematiche quotidiane e riallacciare rapporti umani ed affettivi in età avanzata.

(Romandie News, 31 maggio 2011)

 

Fonte:
(Centro Maderna)

1478 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

BRUXELLES\ aise\ L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE PER LA PREVENZIONE E LA CURA DEL CANCRO: 35 MILIONI DI EURO DALL’UE

BRUXELLES\ aise\ L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE PER LA PREVENZIONE E LA CURA DEL CANCRO: 35 MILIONI DI EURO DALL’UE

La Commissione europea ha aperto oggi, 9 luglio, un invito a presentare proposte, con uno stanziamento di 35 milioni di euro, a favore dello sviluppo dell’analisi delle immagini medicali per la diagnosi del cancro, basata sull’intelligenza artificiale, e di altri strumenti e tecniche di analisi per la prevenzione, la previsione e la cura delle forme più comuni di cancro.