Lunedì, 27 maggio 2024 - ore 12.39

La UE non può rinunciare alla direttiva sui congedi di maternità | S.Cofferati

La protezione e la tutela delle donne che lavorano è di massima importanza per tutta l’Europa

| Scritto da Redazione
La UE  non può rinunciare alla direttiva sui congedi di maternità | S.Cofferati

Durante la Sessione Plenaria di Strasburgo di questa settimana si è discusso di un tema molto importante, il congedo di maternità. La proposta di direttiva è bloccata al Consiglio da ben quattro anni, in seguito all’approvazione da parte del Parlamento Europeo nell’ottobre 2010 di un emendamento che porta da 14 a 20 settimane il congedo di maternità a stipendio pieno e introduce un congedo di paternità di due settimane. Emendamento che non è mai stato accettato dal Consiglio, nonostante la mediazione della Commissione che proponeva un congedo di 18 settimane. La Commissione Europea è ora intenzionata a ritirare la proposta di direttiva. La protezione e la tutela delle donne che lavorano è di massima importanza per tutta l’Europa e a Strasburgo il Gruppo S&D ha sottolineato l’importanza che la Commissione non ritiri la proposta di direttiva. Bisogna fare ripartire il confronto per arrivare a un testo condiviso europeo che vada nella direzione di un rafforzamento dei diritti delle donne in gravidanza e in maternità, così come richiesto dal Parlamento Europeo.Investire nelle donne e nella conciliazione tra lavoro e vita privata deve essere una priorità per l’Europa e l’auspicio è che, sotto la presidenza italiana, si rilanci il dialogo e questa proposta di reale progresso sul fronte dei diritti dei cittadini europei non torni su un binario morto.

Sergio Cofferati

Luglio 2014 

1031 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria