Martedì, 21 agosto 2018 - ore 00.06

Manutenzione scuole. Cremona si è presa a cuore tutto il pregresso di Giorgino Carnevali

Signor direttore, (...) il 54% delle scuole italiane non è in regola con le normative antincendio.

| Scritto da Redazione
Manutenzione scuole. Cremona   si è presa a cuore tutto il pregresso di Giorgino Carnevali

Manutenzione scuole. Cremona   si è presa a cuore tutto il pregresso di Giorgino Carnevali 

Signor direttore, (...) il 54% delle scuole italiane non è in regola con le normative antincendio.

Quasi la metà è priva di un certificato di agibilità e/o abilità, il 32%non rispetta le norme antisismiche configurando di fatto una situazione di pericolo.

La scuola italiana è a pezzi in tutti i sensi. Un quadro nero, sconcertante quello che emerge scorrendo i dati choc del Rapporto targato ‘Save the Children-Illuminiamo il futuro 2030-Obiettivi per liberare i bambini dalla povertà educativa’.

Ecco allora sotto i riflettori il capitolo ‘manu tenzione’. Si cade nella obsolescenza, lenta ma continua e progressiva, tipo una perdita di efficienza, di funzionalità, di valore. Sui 33mila edifici censiti in modo completo dall’anagrafe scolastica, metà è stato costruito prima del 1971, anno di entrata in vigore della normativa sul collaudo statico degli stessi.

L l’incuria, che attanaglia due scuole su tre del Paese, evidenzia che gli alunni sono a contatto con aule fatiscenti, per non dire altro. Situazione delle scuole nelle zone terremotate?

Ormai disservizi e ritardi non si contano più. E Cremona come se la passa? Se le informazioni sono corrette, l’amministrazione Galimberti, presa contezza della situazione generale delle scuole cittadine da essa gestite, in capo all’assessore alla partita Virgilio, di giustezza si è presa a cuore tutto il pregresso. Un milione e 157mila euro dal Governo, assegnazione di oltre un miliardo di euro di finanziamenti relativamente all’attuazione di interventi di messa in sicurezza, lavori di edilizia scolastica, avanti con indagini diagnostiche su solai delle scuole.

Beh, che ne dici? Se fosse così, altro che botta di vita per le scuole cittadine.

Giorgino Carnevali  (Cremona)

247 visite

Articoli correlati