Giovedì, 12 dicembre 2019 - ore 21.58

Migranti L’Europa è in pace ma deve essere solidale Cambiare il trattato di Dublino

Gli immigrati potrebbero efficacemente chiedere lo status di rifugiato in qualsiasi Nazione dell'UE, piuttosto che in un Paese specifico.

| Scritto da Redazione
Migranti L’Europa è in pace ma deve essere solidale Cambiare il trattato di Dublino Migranti L’Europa è in pace ma deve essere solidale Cambiare il trattato di Dublino Migranti L’Europa è in pace ma deve essere solidale Cambiare il trattato di Dublino

Signor direttore quello che seguì negli anni dopo la seconda guerra mondiale tra il 1939 ed il 1945 sono stati la morte e lo spostamento di persone su una scala mai vista prima. L'Europa è ora in pace, ma il Vecchio Continente non può sfuggire all'impatto dei conflitti in Medio Oriente e in Africa, dove vi sono milioni di innocenti, uomini, donne e bambini che cercano  sicurezza in Occidente. I leader europei hanno palesemente fallito nella loro risposta alla crisi, che si basa sulla speranza che la marea migratoria inverta da sola la rotta.

La situazione sta crescendo sempre più in modo grave. E' troppo semplice rispondere che questa situazione non è semplice da risolvere, è chiaro che molte delle politiche esistenti in Europa sono inadeguate. Il Regolamento Dublino III, che stabilisce i criteri e i meccanismi di determinazione dello Stato Europeo competente per l’esame di una domanda di protezione internazionale, richiede ai rifugiati di chiedere asilo nel primo paese che raggiungono. Situazione sproporzionata e con onere eccessivo per l'Italia e la Grecia. Ogni Stato membro deve adottare una ripartizione dei rifugiati, il lavoro può cominciare sulla creazione di centri di asilo dotati di strutture in tutti i paesi dell'UE, tutti conformi alle comuni norme. In questo processo, gli immigrati potrebbero efficacemente chiedere lo status di rifugiato in qualsiasi Nazione dell'UE, piuttosto che in un Paese specifico. Se le richieste di asilo non hanno i presupposti ci dovrà essere un processo concordato ed efficiente per facilitare e garantire il rientro dei migranti nei loro paesi d'origine. Purtroppo per molti rifugiati ‘veri’, le azioni sono tardive, per chi si è soffocato nel camion austriaco, per coloro che hanno ceduto cercando di attraversare il Mediterraneo o la Manica e per il piccolo ragazzo siriano il cui corpo è stato trovato vicino a Bodrum e che tanta emozione ha scatenato. Forse queste emozioni possono essere uno strumento di cambiamento. Migliaia muoiono, alcuni di loro bambini, tutti hanno bisogno del nostro aiuto. Dimostriamo a quelle persone in reale necessità di un rifugio sicuro, un pietoso benvenuto da molti di noi. Ai leader politici in questo Paese e in tutta l'Unione Europea, dico: è arrivato il momento per l'Europa di lavorare insieme.

Andrea Manfredini (Spinadesco)

 

776 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online