Giovedì, 18 luglio 2019 - ore 22.16

Pianeta migranti. Emergenza profughi a Milano?

I titoli dei grandi quotidiani sono eloquenti: “mai tanti migranti a Milano”. In una nota-stampa diramata dal comune del capoluogo lombardo si parla di 6.011 profughi attualmente in città. Bastano 6mila presenze in più, in una città di 1milione e 3mila abitanti, per parlare di “emergenza”?

| Scritto da Redazione
Pianeta migranti. Emergenza profughi a Milano? Pianeta migranti. Emergenza profughi a Milano? Pianeta migranti. Emergenza profughi a Milano? Pianeta migranti. Emergenza profughi a Milano?

I titoli dei grandi quotidiani sembrano eloquenti: “mai tanti migranti a Milano”. In fondo, riprendono solamente la nota stampa diramata dal comune del capoluogo lombardo che parla di 6.011 profughi (presumiamo richiedenti asilo) attualmente in città. Dicevamo sembrano eloquenti perché forse, quei numeri, eloquenti lo sono, ma in tutt'altra direzione.

Bastano 6mila presenze in più, in una città di 1milione e 3mila abitanti, per parlare di “emergenza”? Questa è la domanda elusa. “Emergenza”, sappiamo e l'abbiamo scritto più volte, è parola passpartout. Apre molte porte, ma non quelle della realtà. E implica anche una certa responsabilità - o irresponsabilità - da parte di chi la pronuncia. In questo caso, i numeri forniti dall'assessorato alle politiche sociali sembrano andare in una direzione opposta rispetto alle parole - anch'esse fornite - a commento di quei numeri. Probabilmente il problema è altro, forse nel "modello" per la gestione dei 6.011 richiedenti asilo attualmente in città? Allora, però, sarebbe più corretto criticare il sistema emergenziale di gestione delle migrazioni, non "l'emergenza" generata dal numero di migranti presenti in città.

Altri numeri: nel 2016 i rifugiati in transito a Milan sono stati 50, nei primi sei mesi di quest'anno 460. Di fronte a questi numeri, l'assessore ai servizi sociali Pier Francesco Majorino torna su un suo vecchio cavallo di battaglia: “In città si è creato un sistema di accoglienza consolidato, ma ora deve intervenire il governo perché ognuno faccia la sua parte”. Majorino ha anche detto che verrà potenziato di 1000 posti letto il sistema Sprar, l'accoglienza diretta del comune. Torniamo ai dati diffusi dall'Assessorato alle Politiche Sociali del Comune. I numeri rilevano che dal 18 ottobre 2013 al 30 luglio 2017  i profughi (di cui 25.273 minori) accolti e transitati dalla città di Milano attraverso le strutture presenti sul territorio sono stati 125.000. Bastano questi numeri - perfettamente in linea con quelli delle grandi metropoli europee - per parlare di emergenza? Chiaramente non bastano, ma “fanno notizia”. E per qualcuno, forse, va bene così. (www.vita.it)

La propaganda anti immigrati da tempo si nutre di false notizie. Che creano opinioni distorte, luoghi comuni, semplificazioni…un marasma caro a chi pesca voti lanciando

sui media e a livello politico messaggi demagogici e volutamente razzisti.

E’ tutto orchestrato e finalizzato a catturare voti popolari in vista delle elezioni politiche del 2018. Basta andare per la strada o nei bar per capire che aria sta soffiando. Anche tanti che vanno in chiesa ragionano così, nonostante i richiami di papa Francesco.

Parole come solidarietà, salvare le vite, diritti umani, accoglienza diventano sinonimo di “reato” da perseguire o, nel migliore dei casi, vengono definite “ideologia”.

Ma quando si saranno demoliti nella coscienza e nella pratica di vita della gente questi valori, resterà solo la malvagità, l’odio, l’inciviltà della violenza e della guerra. Chi semina vento raccoglie tempesta! Ma forse è proprio qui che si vuole arrivare.

La banalità del male che in passato ha generato l’olocausto oggi accetta cinicamente il naufragio di decine di migliaia di migranti in mare, parla di invasione per la presenza di tre immigrati ogni mille persone in Italia e di ‘emergenza’ in una città come Milano che ha una buona fetta di popolazione con un tenore di vita da nababbo. Che vergogna!

658 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online