Mercoledì, 17 luglio 2024 - ore 14.51

PIANO SOCIO SANITARIO - PILONI (PD): TROPPO POCO

Troppo poco per professioni sanitarie e medicina di territorio.

| Scritto da Redazione
PIANO SOCIO SANITARIO - PILONI (PD): TROPPO POCO

PIANO SOCIO SANITARIO - PILONI (PD): TROPPO POCO PER PROFESSIONI SANITARIE E MEDICINA DI TERRITORIO

Troppo poco per professioni sanitarie e medicina di territorio. Il consigliere regionale del Pd Matteo Piloni commenta così il Piano sociosanitario integrato discusso oggi in aula.

“Il piano - afferma Piloni - non affronta diverse criticità del sistema sanitario e non dà risposta ai reali bisogni di cura dei lombardi”.

“Da decenni - attacca il consigliere dem- in Lombardia la carenza di infermieri è gravissima e ora sta diventando emergenza. Cercarli all’estero, come sta facendo l’assessore Bertolaso, non è la soluzione definitiva.  Quello che serve è una valorizzazione della professione che nel Piano non c’è”.

“Per questo abbiamo proposto di introdurre incentivi economici e di carriera – spiega -. Il riconoscimento dell’autonomia professionale senza compensi adeguati e la possibilità di un percorso di carriera non basta. Ad oggi per gli infermieri è prevista solo la dirigenza di secondo livello, quella di primo livello spetta solo ai medici, ma per progettare innovazione assistenziale e organizzativa e sviluppare la ricerca in ambito infermieristico serve il dipartimento delle professioni, diretto proprio da un operatore delle professioni”.

“Il Piano - incalza ancora Piloni - non presenta un modello definito di medicina di territorio. La necessità è quella di potenziare i distretti e garantire gli strumenti necessari in termine di risorse economiche e professionali. Questo è l’unico modo per risolvere l’emergenza liste d’attesa e il sovraffollamento dei pronto soccorso”.

“Non del tutto valorizzata- conclude Piloni- è anche la figura dello psicologo di base. I problemi di salute mentale sono in crescita vertiginosa e per questo sarebbe fondamentale garantire la possibilità di potervi accedere liberamente, come ad uno sportello aperto, nelle Case di comunità. Ma il piano non lo prevede”.

Milano, 25 giugno 2024

203 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online