Venerdì, 17 settembre 2021 - ore 17.56

Quanto costa l’opposizione alle pale eoliche?

Quantificati i costi per il sistema energetico della contrarietà all’espansione dell'energia eolica nei paesaggi ''belli''

| Scritto da Redazione
Quanto costa l’opposizione alle pale eoliche?

L’energia eolica è di fondamentale importanza per la transizione energetica in Germania. Secondo l’Ufficio federale di statistica, la sua quota nella produzione totale lorda di elettricità di circa il 24% è di gran lunga superiore a quella di tutte le altre fonti di energia rinnovabile.  Ma nelle Prealpi, nelle basse catene montuose o sulla costa, l’espansione dell’energia eolica incontra spesso la contrarietà di comitati locali.

Con lostudio “The Impact of Public Acceptance on Cost Efficiency and Environmental Sustainability in Decentralized Energy Systems”, pubblicato su Patterns, un team di ricercatori del Karlsruher Instituts für Technologie (KIT) dell’università di Aberdeen e della Danmarks Tekniske Universitet, ha cercato di capire cosa significa questa opposizione per la transizione energetica e ha scoperto che «I costi per kilowattora possono aumentare fino a 7 centesimi e le emissioni di CO2 possono aumentare fino a 200 grammi».

Uno degli autori dello studio, Wolf Fichtner dell’Institut für Industriebetriebslehre und Industrielle Produktion (IIP) del KIT, sottolinea che «Per raggiungere i nostri obiettivi climatici, è importante espandere ulteriormente queste capacità e sostituire quanta più energia a base di carbone possibile. Tuttavia, c’è una notevole resistenza, soprattutto nei bei paesaggi».

E i calcoli fatti cdallo studio si basano proprio su valutazioni della bellezza dei paesaggi tedeschi secondo criteri standardizzati da migliaia di intervistati.

Max Kleinebrahm, anche lui dell’IIP, spiega che «Per la Gran Bretagna è stato confermato che il rifiuto dell’espansione dell’energia eolica è molto più elevato nei Comuni situati in scenari meravigliosi rispetto alle regioni meno belle. Trasferendo questa scoperta in Germania e sostituendo il fattore qualitativo del rifiuto con uno scenario di sviluppo senza energia eolica, è possibile proiettare con precisione i costi aggiuntivi previsti quando non si utilizzano le turbine eoliche».

Come riferimento, i ricercatori hanno utilizzato un altro scenario ottimizzato dal punto di vista tecnico-economico per la trasformazione del sistema energetico con l’utilizzo dell’energia eolica locale.

Il confronto è stato fatto per 11.131 comuni in Germania e proiettato fino al 2050 ed è così che «E’ stato riscontrato che fermare l’espansione dell’utilizzo dell’energia eolica nei paesaggi più belli potrebbe aumentare i costi di produzione di energia in fino a 7 centesimi per kilowattora e in alcuni Comuni le emissioni di CO2 potrebbero aumentare fino a 200 g per kilowattora».

Il principale autore dello studio, Jann Michael Weinand dell’IIP, fa notare che «Invece dell’energia eolica, sarebbe quindi necessario ampliare l’uso di altri tipi di fonti energetiche rinnovabili, come l’energia solare o la bioenergia. L’energia solare, tuttavia, è associata a costi di integrazione del sistema più elevati che causano la maggior parte del supplemento».

Inoltre, spesso sorgono anche comitati contro le centrali solari e solo in pochissimi casi l’energia eolica per la produzione locale di elettricità può essere completamente sostituita. In molti casi, sarebbero necessarie importazioni di energia, il che comporterebbe emissioni di CO2 relativamente elevate.

I ricercatori concludono ammettendo di non poter fornire una soluzione rapida per il conflitto tra protezione della natura e produzione di energia rispettosa del clima con le turbine eoliche, ma vorrebbero che il loro studio contribuisse a una riconciliazione tra paesaggio ed eolico. Fichtner conclude: «Forniamo i dati necessari per fare in modo che i responsabili sul campo possano prendere decisioni basate sulla conoscenza. Sono previste ulteriori analisi per ottenere una comprensione approfondita delle interrelazioni tra il rifiuto locale dell’energia eolica, la bellezza del paesaggio e gli impatti sul sistema energetico».

252 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria