Venerdì, 29 maggio 2020 - ore 10.13

Scelte governo italiano e UE del tutto inadeguate alla emergenza Coronavirus (Maurizio Acerbo, sn Rif.Com.)

Le proposte di Rifondazione Comunista-Sinistra Europea L’emergenza del coronavirus ha reso evidente l’insostenibilità del modello sociale liberista basato sulla progressiva riduzione del welfare

| Scritto da Redazione
Scelte governo italiano e UE del tutto inadeguate alla emergenza Coronavirus (Maurizio Acerbo, sn Rif.Com.)

Scelte governo italiano e UE del tutto inadeguate alla emergenza Coronavirus (Maurizio Acerbo, sn Rif.Com.) 

Le proposte di Rifondazione Comunista-Sinistra Europea L’emergenza del coronavirus ha reso evidente l’insostenibilità del modello sociale liberista basato sulla progressiva riduzione del welfare.

Affrontiamo questa crisi con sistemi sanitari pubblici fortemente indeboliti da tagli e processi di privatizzazione e una società già segnata da forti diseguaglianze e declino economico.

Le misure assunte dal governo italiano e dall’Unione Europea per fronteggiare la pandemia del coronavirus sono del tutto inadeguate, sia sul piano sanitario che sul piano economico.

Sul piano economico le scelte assunte corrispondono ad un decimo di quanto è necessario porre in essere. Come segnalato dall'appello di Emiliano Brancaccio e altri economisti sul Financial Times c'è bisogno di un piano "antivirus" che metta sotto controllo i mercati dei capitali.

Solo per affrontare efficacemente l’emergenza è necessario che l’Unione Europea adotti le seguenti misure.

In primo luogo deve essere immediatamente sospeso il patto di stabilità perché in una situazione come questa il mantenimento di misure di contenimento della spesa rappresenta l’opposto di quel serve sia per affrontare la pandemia che per affrontare la crisi economica. Parallelamente deve essere cancellata ogni discussione sul MES, che rappresenta una modalità di intervento sui bilanci pubblici dei diversi paesi europei inutile e dannosa.

In secondo luogo la BCE deve garantire la trasmissione delle politiche monetarie e cioè che i tassi di interesse vadano a zero fermando quindi la speculazione sui titoli di stato. A tal fine la BCE acquisti fino al 60% dei titoli di stato di ogni paese europeo in modo da garantire l’azzeramento dello spread.

In terzo luogo la BCE finanzi un piano di investimenti europeo in grado di rilanciare l’occupazione e garantire la riconversione ambientale e sociale delle produzioni e dell’economia. 1000 miliardi di finanziamento annuo a tasso zero, con scadenza a 100 anni per attuare – magari attraverso la BEI - un Piano di riconversione ambientale delle produzioni e dell’economia (comprese le garanzie di ammortizzatori sociali e reddito) e un piano sanitario europeo che potenzi la sanità pubblica costruendo un diritto europeo alla prevenzione e alla salute.

A livello nazionale è necessario bloccare completamente le attività economiche non indispensabili per ridurre i contagi e requisire subito le strutture sanitarie private per essere in grado di affrontare il picco dei contagi quando arriverà regione per regione.

In secondo luogo è necessario attuare da subito un piano di investimenti in sintonia con quanto richiesto a livello europeo.

In terzo luogo il divieto di vendita dei titoli allo scoperto deve essere reso strutturale e in una situazione di forte speculazione sui mercati è necessario che le autorità pubbliche intervengano per bloccare le contrattazioni ogni volta questi manifestino un carattere speculativo e per attuare un forte controllo del movimento internazionale dei capitali.

Maurizio Acerbo, segretario nazionale Rifondazione Comunista - Sinistra Europea 

Paolo Ferrero, vicepresidente del Partito della Sinistra Europea

233 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online