Venerdì, 20 settembre 2019 - ore 12.11

Strage di Brescia 28 maggio 1974 : il fascismo attacca la libertà . L'audio del comizio e della bomba

A distanza di 42 anni ricordiamo l'attentato terroristico di matrice fascista.

| Scritto da Redazione
Strage di Brescia 28 maggio 1974 : il fascismo attacca la libertà . L'audio del comizio e della bomba


Un forte boato, poi il fumo e il silenzio irreale. Alle 10 e 12 del 28 maggio 1974, un ordigno, un chilogrammo di tritolo nascosto in un cestino per i rifiuti, esplose tra la folla in piazza della Loggia a Brescia, nel bel mezzo di una manifestazione antifascista indetta dai sindacati. Subito dopo gli striscioni caddero al suolo e gli operai si misero a correre e urlare tra le macerie: sei persone rimasero uccise sul colpo e altre due morirono in ospedale a causa delle ferite riportate. Gli stessi manifestanti prestarono i primi soccorsi dirigendosi sul luogo dell'esplosione per aiutare i feriti e per coprire con le loro bandiere i corpi dei compagni che non ce l'avevano fatta. La strage di Brescia causò 8 morti e 100 feriti. I poliziotti, accorsi sul posto ancor prima delle ambulanze, respinsero la folla in tenuta antisommossa, mentre l'Italia intera, dilaniata dagli anni di piombo, si spaccava a metà.

Brescia è la città che non dimentica. Anche quest'anno ha promosso numerose iniziative di riflessione. Ai giovani va raccontata la storia ‘ Non c’è futuro se non si conosce il passato’ 

 

2500 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online