Martedì, 27 settembre 2022 - ore 00.42

TAV BRESCIA VERONA: Legambiente, servono risposte dal Ministero di Dario Balotta

Il sistema TAV è costoso, energivoro, non interscambiabile (tra treni veloci e lenti) e chiuso ai treni merci. Il quadruplicamento Brescia-Verona farebbe invece risparmiare un miliardo di euro e oltre 30 ettari di terreni agricoli

| Scritto da Redazione
TAV BRESCIA VERONA: Legambiente, servono risposte dal Ministero di Dario Balotta

I gravi problemi emersi dal progetto di prolungamento della tratta ad  Alta Velocità Brescia Verona Padova (ambientali, finanziari e gestionali) sconsigliano di procedere con l’attuazione di un progetto pensato venti anni fa.  Le sue ricadute positive, come l’aumento di capacità complessiva, si potrebbero  ottenere con interventi assai meno onerosi (50 milioni di euro al km ed enorme impatto ambientale), mentre trascurabile appare il beneficio della velocizzazione del traffico diretto tra Milano e Venezia. Il Ministero dei Trasporti deve dire se il progetto è oggi  ancora valido e ciò lo si può valutare solo con uno studio di fattibilità tecnica, ambientale, economica e finanziaria. Va pertanto considerata l’ alternativa del raddoppio della linea sul tracciato esistente in fasi ottimali di realizzazione che non prevedano il prolungamento dell’alta velocità a favore di una soluzione mista che ne aumenta la capacità, riduce i costi e il consumo di suolo. Al fine di ridurre la spesa pubblica, l’ex Governatore della Banca d’Italia Mario Draghi disse “ la riduzione della spesa per le opere pubbliche impone una valutazione dei costi e dei benefici di progetti alternativi”.  Ciò dovrebbe interessare  anche le Regioni Lombardia e  Veneto , visto che il  progetto sconquassa il loro territorio. La possibilità di realizzare un'alternativa, più efficiente e più efficace, consentirebbe  alle due Regioni di utilizzare le risorse risparmiate per altri importanti ed urgenti finalità. Sulla Milano Treviglio la  linea  a  quattro binari, di cui due “lenti” e due “veloci” come  già oggi possono circolare indifferentemente 350 treni al giorno tra merci, pendolari, regionali e frecce bianche e rosse. Mentre la linea A.V.  Treviglio-Brescia è percorsa invece  da soli 220 treni giornalieri (52 frecce sulla linea AV e 168 sulla linea lenta), 130 in meno della Treviglio Milano. Il sistema TAV è costoso, energivoro, non interscambiabile (tra treni veloci e lenti) e chiuso ai treni merci. Il quadruplicamento Brescia-Verona farebbe invece risparmiare un miliardo di euro e oltre 30 ettari di terreni agricoli, eviterebbe l’attraversamento dell'area del Lugana e assicurerebbe lo sviluppo del sistema ferroviario per pendolari, merci e Frecce Rosse.

Dario Balotta legambiente lombardia

Milano 4 marzo 2017

 

1989 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online