Mercoledì, 14 aprile 2021 - ore 18.19

Terzo ponte su PO. 500 cittadini firmano esposto alla UE

| Scritto da Redazione
Terzo ponte su PO. 500 cittadini firmano esposto alla UE

Al centro ci sono presunte violazioni alla direttiva Ue ‘Habitat’, che riguardano circa 40 ettari di aree naturalistiche classificate come Sic (Siti interesse comunitario) e Zps (Zone di protezione speciale) attraversate, per ora solo
virtualmente, dal manufatto: si tratta degli spiaggioni di Spinadesco, della golena da Rio Boriacco
a Bosco Ospizio e naturalmente dell’Isola del deserto popolata e sede di riproduzione per numerose
specie di uccelli, fra cui alcune in via di estinzione
Simone Mazzata , del comitato Nonna Quercia spiega: “abbiamo  fornito documentazione cartografica e fotografica riguardo le devastazioni che il terzo ponte produrrebbe su tutto il sistema naturalistico e paesaggistico del Po.
Alle firme (che si aggiungono quindi alle 3500 contro il progetto consegnate un anno fa ad Enti locali e nazionali)
è stato allegato pure il dossier realizzato da 18 docenti universitari o esperti.
Ma cosa prevede la direttiva ‘Habitat’?
Stabilisce che un’opera impattante su un’area protetta a livello comunitario (come è ad esempio il caso dell’isola del deserto) possa essere realizzata solo  con riferimento ad esigenze connesse alla salute dell’uomo e alla sicurezza
pubblica, o ad esigenze di primaria importanza per l’ambiente ovvero, previo parere della Commissione europea, per altri motivi imperativi di rilevante interesse pubblico.

n.b. Il terzo ponte sul Po è previsto fra Cremona e Castelverde

3285 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria