Giovedì, 18 aprile 2024 - ore 19.45

Ucraina. Ma tutta questa tensione è davvero utile? Marco Baratto

Oggi dall'Asia all'Africa passando per medio oriente e l'europa orientale non sembra essere molto dissimile culturalmente dall'atteggiamento della fine ottocento.

| Scritto da Redazione
Ucraina. Ma tutta questa tensione è davvero utile? Marco Baratto

Ucraina. Ma tutta questa tensione è davvero utile? Marco Baratto

Il 26 Gennaio Papa Francesco ha indetto una giornata di preghiera per l'Ucraina, nazione dilaniata da troppi venti di guerra. ovvero la richiesta da parte della Federazione Russa di non allargare la Nato ad Est , includendo l' Ucraina sono fondate? . Cerchiamo di fare una riflessione non ideologica ma pragmatica. Oggi dall'Asia all'Africa passando per medio oriente e l'europa orientale non sembra essere molto dissimile culturalmente dall'atteggiamento della fine ottocento.

Un modo di fare che vede una pretesa superiorità occidentale nei confronti della Federazione Russa, dell'Asia (Cina in particolare) e del continente africano 

Se ci limitiamo all'Est Europa è dalla fine dei regimi comunisti degli anni 90 che trattiamo quei Paesi e quelle nazioni non come dei pari ma come degli sconfitti. Ad esempio da anni abbiamo parcheggiato la Romania e la Bulgaria fuori dallo spazio Schengen, non consideriamo le peculiarità culturali e storiche dei paesi di Visegrad e peggio ancora consideriamo la vera sconfitta la Federazione Russa . Un atteggiamento sanzionatorio (non parlo dal punto di vista economico ma culturale) che non giova a nessuno. Le speranze di un "mondo nuovo" nate nel 1989 si sono infrante difronte alle debolezze umane di vedere sempre un "vincitore " ed un "perdente" . Se Giovanni Paolo II ed in egual modo Papa Francesco tendono ad una "Europa che sappia respirare con i due polmoni" quello Occidentale e quello Orientale la visione nichilista dell'occidente ormai privo della propria anima spirituale ha invece sempre più cacciato l'Europa orientale e la Russia in particolare in uno stato di isolamento e la prova di forza dell'Ucraina ne è la prova.

L'allargamento della Nato ad oriente ha sottolineato questa logica tra vinti e vincitori un modo che però non giova all'Europa ne dal punto di vista della sicurezza ne da quello della prosperità . L'Ucraina è una Nazione potenzialmente importante dal punto di vista economico e geografico una sua adesione all' UE e alla Nato non gioverebbe a nessuna delle parti in causa . Sarebbe auspicabile che si ritornasse al protocollo di Minsk firmato nel 2014 che prevedeva : Una decentralizzazione del potere, anche attraverso l'adozione di una legge ucraina su "accordi provvisori di governance locale in alcune zone delle oblast (regioni) di Doneck e Lugansk ("legge sullo status speciale") nonchè  garantire lo svolgimento di elezioni locali anticipate, in conformità con la legge ucraina (concordato in questo protocollo) su "accordi provvisori di governo locale in alcune zone delle oblast (regioni) di Doneck e Lugansk" ("legge sullo statuto speciale").

Si sarebbe potuto anche prevedere uno specifico accordo che considerava l'Ucraina ,nazione neutrale , vietando come era per l'Austria e oggi per la Svizzera la sua neutralità. Con questo percorso l'Ucraina neutrale e armata solo di una propria forza armata nazionale poteva essere un crocevia naturale tra Cina, Russia ed Europa . Un spazio dove grazie ai commerci si sarebbe potuto costruire un avvenire per le popolazioni locali senza per forza ricorre alle armi.

Occorre lavorare per la neutralità Ucraina, del resto credo che in pochi siano disponibili a sacrificare la vita di giovani militari e civili ma molti a costruire uno spazio di libero commericio che unisca i nuovi attori del mondo . Finiamola con la logica della guerra fredda e apriamoci ad un nuovo mondo

Marco Baratto

798 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online