Sabato, 06 marzo 2021 - ore 05.41

Una crisi di Governo fatta su calcoli di bottega | Paolo Soncini (Uil CR-MN)

Signor direttore, la pantomima inscenata da Renzi e dal suo partito in Parlamento è uno spettacolo di cui non si sentiva certo il bisogno e che alimenta la disaffezione dei cittadini per le Istituzioni.

| Scritto da Redazione
Una crisi di Governo fatta su calcoli di bottega | Paolo Soncini (Uil CR-MN)

Una crisi di Governo fatta su calcoli di bottega | Paolo Soncini (Uil CR-MN)

Signor direttore, la pantomima inscenata da Renzi e dal suo partito in Parlamento è uno spettacolo di cui non si sentiva certo il bisogno e che alimenta la disaffezione dei cittadini per le Istituzioni.

Al l’interno di una crisi sanitaria che rapidamente diventa anche crisi sociale, solo un politico legato al proprio tornaconto manderebbe gambe all’aria un governo già parecchio in difficoltà nel gestire la fase e le emergenze.

È allucinante rendersi conto che questo protagonismo renziano non viene da una visione del mondo alternativa al Governo di cui fa o faceva parte.

Una crisi di governo che non è incentrata su battaglie sociali necessarie ai lavoratori e ai cittadini, ma su semplici calcoli di bottega e di sopravvivenza politica.

 Per troppo tempo si è concesso ai renziani il lusso di spacciare arretramenti nelle condizioni di vita e di lavoro di milioni di persone per «modernità»: è arrivato il momento di mettere da parte questa ed altre nicchie di potere in nome del bene comune. In questi mesi difficili noi abbiamo fatto la nostra parte, con spirito collaborativo, ma la politica ha continuato a chiudersi al confronto, aggrappata a fragili equilibri politici ed economici.

 Questo definitivo disvelamento della natura del renzismo e di un diffuso modo di fare politica è l’occasione per avviare una stagione radicalmente nuova, in cui aggredire le troppe e intollerabili disuguaglianze sociali che la pandemia ha accentuato. Non c’è più tempo da perdere. Le sfide sono tante e richiedono interventi solidi ed urgenti, non le, per noi del tutto insignificanti, convulsioni della fine del renzismo.

Paolo Soncini Segretario Generale Cst Uil Cremona-Mantova

150 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online