Sabato, 29 gennaio 2022 - ore 04.53

(Video) Fascismo a Cremona. Villa Merli :'Il Dossier ritrovato' Intervista all'autrice Barbara Caffi

In questa intervista l’autrice del libro Barbara Caffi, giornalista de ‘La provincia di Cremona’ ci riassume i contenuti di questo dossier ritrovato che ‘scoperchia’ uno dei periodi 1944-1945 più oscuri del fascismo della Repubblica di Salò a Cremona. ‘Villa Merli’ è infatti il luogo dove la polizia fascista imprigionava e torturava o i renitenti alla leva o gli antifascisti prima di consegnarli ‘alla giustizia fascista’ che nella stragrande maggioranza dei casi condannava a morte.

| Scritto da Redazione
(Video) Fascismo a Cremona. Villa Merli :'Il Dossier ritrovato' Intervista all'autrice  Barbara Caffi (Video) Fascismo a Cremona. Villa Merli :'Il Dossier ritrovato' Intervista all'autrice  Barbara Caffi (Video) Fascismo a Cremona. Villa Merli :'Il Dossier ritrovato' Intervista all'autrice  Barbara Caffi (Video) Fascismo a Cremona. Villa Merli :'Il Dossier ritrovato' Intervista all'autrice  Barbara Caffi


(Video) Il fascismo a Cremona. Villa Merli :Il Dossier ritrovato ,Intervista all'autrice  Barbara Caffi

In questa intervista l’autrice del libro Barbara Caffi, giornalista de ‘La provincia di Cremona’ ci riassume i contenuti di questo dossier ritrovato che ‘scoperchia’ uno dei  periodi  1944-1945  più oscuri del fascismo della Repubblica di Salò a Cremona. ‘Villa Merli’ è infatti il luogo dove la polizia fascista imprigionava e torturava o i renitenti alla leva o gli antifascisti prima di consegnarli ‘alla giustizia fascista’ che nella stragrande maggioranza dei casi  condannava a morte.

Testimonianze raccapriccianti di uomini e donne di tutte le età e stato sociale che vengono picchiati, torturati non solo fisicamente ma anche psicologicamente ( con false fucilazioni). Il processo, celebrato nel dopoguerra, porta ad alcune condanne ma la successiva amnistia ‘pacificatrice’ le attenua di molto per la maggior parte.

E’ questo un libro significativo di un’epoca che dovrebbe a mio avviso essere oggetto di approfondimento nelle scuole per far conoscere alle nuove generazioni che cosa è stata appunto la vita in quegli anni oscuri della guerra.

L’intervista si chiude con una riflessione di Barbara Caffi su che cosa è il fascismo e come centinaia di cittadini abbiamo assunto il ruolo di delatori , anche dei propri amici o vicini di casa.

Un grazie a Barbara Caffi per l’intervista  ed un ringraziamento al direttore de ‘La Provincia’ Vittoriano Zanolli per la decisione di rendere pubblico questo dossier che a breve sarà donato all’Archivio di Stato di Cremona dagli eredi di quel poliziotto che anziché distruggere i documenti- come gli era stato ordinato- li ha custoditi per tanti anni lasciando il compito ai sui eredi di renderli pubblici.

Il ricavato della vendita del libro- che si trova in tutte le libreria di Cremona- sarà devoluto a due associazioni di volontariato che la stessa autrice indica nella sua intervista.

Intervista di Gian Carlo Storti welfare cremona ottobre 2017

Tutti gli altri video del sito del welfare li trovi qui https://www.welfarenetwork.it/video/

9057 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online