Giovedì, 19 ottobre 2017 - ore 15.01

A Roma Al via prima edizione Festival Europeo Fotografia, Fotomodelli e Fashion design

Un ambizioso progetto creato dalla coreografa Alexandra Titova Il 1 Settembre 2016 Cinecittà aprirà le porte ai casting della prima edizione del Festival Europeo: Fotografia, Fotomodelli e Fashion design mostreranno i loro talenti per poter accedere alla finalissima del 3 Dicembre.

| Scritto da Redazione
A Roma Al via prima edizione Festival Europeo Fotografia, Fotomodelli e Fashion design

Un ambizioso progetto creato da Alexandra Titova (coreografa nel campo della moda ed autrice) in collaborazione con grandissimi personaggi come Max Moor (fotografo di fama internazionale ed esperto di fashion design), Pier Giorgio Antonelli (fotografo e docente di fotografia),Erika Bucci (modella e fotomodella) .

Questa competizione parte da Roma, per poter arrivare a tutta l’Europa.

L’idea di questa manifestazione è quella di unire unire stilisti,i modelli,i fotografi di talento tramite l’arte.

Il Festival sarà presentato da due  personaggi internazionali e riserva tante sorprese con i suoi ospiti e con la sua giuria di qualità.

In aspettativa di un grande evento lo staff si dedica con grande energia creativa a compiere primo grande passo alla ricerca dei veri talenti.

Non aspettate ad iscrivervi su www.festivaleuropeo.com  , i vincitori di ogni categoria oltre al premio economico godranno di un’altissima esposizione mediatica garantita dai magazine partner nell’organizzazione.

Fonte Christian Flammia 

1230 visite

Articoli della stessa categoria

UNGHERIA nuova legge sulle Ong; Amnesty: Assalto crudele e calcolato alla società civile

UNGHERIA nuova legge sulle Ong; Amnesty: Assalto crudele e calcolato alla società civile

Amnesty International ha dichiarato che la “Legge sulla trasparenza delle organizzazioni finanziate dall’estero”, approvata oggi dal parlamento dell’Ungheria con 130 voti a favore, 44 voti contrari e 24 astensioni, costituisce l’ultimo atto della crescente repressione delle voci critiche nel paese e condizionerà pesantemente l’importante azione dei gruppi della società civile ungherese.