Martedì, 17 settembre 2019 - ore 01.51

ADUC Brexit: ovvero delle emozioni e della irresponsabilità

"Più un messaggio è puramente "razionale", meno è probabile che attivi i circuiti emotivi che presiedono al comportamento di voto", scrive lo psicologo e psichiatra americano Drew Westen, nel suo libro "La mente politica. Il ruolo delle emozioni nel destino di una nazione."

| Scritto da Redazione
ADUC Brexit: ovvero delle emozioni e della irresponsabilità

ADUC Brexit: ovvero delle emozioni e della irresponsabilità

"Più un messaggio è puramente "razionale", meno è probabile che attivi i circuiti emotivi che presiedono al comportamento di voto", scrive lo psicologo e psichiatra americano Drew Westen, nel suo libro "La mente politica. Il ruolo delle emozioni nel destino di una nazione."

In politica, quando ragione ed emozione si scontrano, immancabilmente è l'emozione a uscirne vittoriosa, commenta Westen.

Il popolo britannico ha votato, a giugno 2016, per l'uscita del Regno Unito dalla Unione europea e il dato positivo di questo voto è relativo alla chiarezza dei ruoli: non si può essere metà dentro, metà fuori, ovvero, lamentarsi delle norme comunitarie, salvo acquisire i benefici dell'appartenenza ad un mercato unico, ma l'elemento fondamentale per il voto è stata l'emozione (l'orgoglio nazionalista, il problema degli immigrati, il lavoro sottratto ai britannici, la sanità relegata a una minoranza, ecc.), insomma, la paura, opportunamente sollecitata da politici irresponsabili.

David Cameron, il premier che aveva promosso il referendum, avrebbe dovuto portare a termine quanto deciso dal popolo, cioè avviare le procedure per la Brexit, invece si è dimesso. E' subentrata, Theresa May, e, dopo più di 3 anni di trattative ha abbandonato il campo per lasciare il premierato a Boris Johnson, che ha sospeso il Parlamento, vuole un referendum e le elezioni, oppure no.

E' l'irresponsabilità fatta governo.

I dati dei mercati finanziari sono solo un assaggio di quel che accadrà nei prossimi mesi. Ricordiamo che in borsa investono non solo gli speculatori ma anche i risparmiatori.

E' probabile che, in caso di Brexit totale, tra qualche tempo, il Regno Unito si limiterà all'Inghilterra e al Galles, senza Scozia e Irlanda del Nord.

Triste fine di un orgoglioso impero sul quale, parafrasando Carlo V, non tramontava mai il sole.

Primo Mastrantoni, segretario Aduc

123 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online