Lunedì, 02 agosto 2021 - ore 07.00

AISE BASTA INDIFFERENZA. NON SI SCHERZA COL FUOCO. ANTISEMITISMO E ODIO DI ANDREA RICCARDI

Gli atti antisemiti provengono da vari mondi: neonazisti o neofascisti, islamici, antisraeliani, suprematisti, settori nazionalisti, gruppi settari di ogni tipo, come gli pseudoebrei neri da cui è partito l’attacco a Monsey. Non c’è un’unica filiazione.

| Scritto da Redazione
AISE BASTA INDIFFERENZA. NON SI SCHERZA COL FUOCO. ANTISEMITISMO E ODIO DI ANDREA RICCARDI

AISE BASTA INDIFFERENZA. NON SI SCHERZA COL FUOCO. ANTISEMITISMO E ODIO DI ANDREA RICCARDI

Gli atti antisemiti provengono da vari mondi: neonazisti o neofascisti, islamici, antisraeliani, suprematisti, settori nazionalisti, gruppi settari di ogni tipo, come gli pseudoebrei neri da cui è partito l’attacco a Monsey. Non c’è un’unica filiazione.

 “Si susseguono notizie su fatti di violenza e odio in tanti Paesi. Rischiamo l’abitudine e l’indifferenza. Così, l’attacco antisemita a Monsey, nei pressi di New York, può passare nel dimenticatoio, dopo un po’ di deprecazione. Ci si abitua, purtroppo, anche all’antisemitismo, come alle proteste contro di esso. Avviene in società indifferenti: in Nord America o in Europa. Indifferenze diverse, ma sempre tali”. Inizia così l’editoriale di Andrea Riccardi, presidente della Dante Alighieri e fondatore della Comunità di Sant’Egidio, pubblicato nei gironi scorsi da “Avvenire”, il quotidiano della Cei.

“La sequenza degli atti antisemiti negli Stati Uniti è impressionante: “È il tredicesimo attacco antisemita dall’8 dicembre a oggi a New York”, ha detto Cuomo, il governatore dello Stato. Qualche mese fa, in Germania, il responsabile per la lotta all’antisemitismo consigliò agli ebrei di non indossare sempre la kippah. Fu poi smentito, ma quel discorso manifesta il clima, confermato dall’aumento degli atti antisemiti in Germania (come in Francia). Non ci si può fermare alla rituale deprecazione, ma bisogna andare a fondo per capire l’inaccettabile processo di "odio all’ebreo", se vogliamo fermarlo e batterlo. Innanzi tutto, c’è da garantire la libertà alle persone e la sicurezza dei siti ebraici. Ma non basta.

A settant’anni della Shoah, lo stereotipo antisemita è vivo e circolante su un terreno profondo che sottostà alle più diverse genealogie politiche. È lì, pronto per essere usato da chi cerca un nemico ancestrale, cui attribuire i mali di cui si sente colpito o di cui crede colpita la società. Pesca nelle profondità oscure della storia che, irrazionalmente, paiono legittimarlo. Queste squallide operazioni sono favorite dall’incandescente temperatura di odio, innalzatasi negli ultimi anni. Il mix, tollerato e accarezzato da troppi, provoca in alcuni atti violenti o addirittura azioni terroristiche.

C’è da fare i conti con il clima di odio delle nostre società. Qui la responsabilità del linguaggio delle figure pubbliche che tanto influiscono su società ormai largamente deprivate di corpi intermedi. Come si spiegherebbe altrimenti che, con il nuovo ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, e il discorso più sereno del nuovo Governo sull’immigrazione, gli italiani ne sono meno preoccupati? Pagnoncelli osserva che l’immigrazione è calata al 22% nella graduatoria delle preoccupazioni degli italiani, meno 14% rispetto al 2018. Il registro dell’allarmismo, dell’odio, dello scontro, se informa il linguaggio dei personaggi pubblici, ha conseguenze sulla gente persino oltre le intenzioni degli attori politici.

Non si scherza con il fuoco delle parole. Il linguaggio dell’odio che induce a tante imprevedibili pratiche di esso. Così i cittadini, quando votano, forse non dovrebbero solo guardare alle promesse, ma anche al linguaggio dei politici.

Leggi tutto clicca qui

 

397 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online