Sabato, 03 dicembre 2022 - ore 02.52

Andrea Virgilio risponde ad Angelo Ongari sulla Cascina Corte di San Felice di Cremona

Egregio direttore, in risposta alle perplessità sollevate dal signor Ongari vorrei sottolineare che probabilmente la vera follia sarebbe quella di non investire su un’area degradata e su una cascina ormai fatiscente come quella presente nel pieno centro di San Felice.

| Scritto da Redazione
Andrea Virgilio risponde ad Angelo Ongari  sulla Cascina Corte di San Felice di Cremona

Andrea Virgilio risponde ad Angelo Ongari  sulla Cascina Corte di San Felice di Cremona

Egregio direttore, in risposta alle perplessità sollevate dal signor Ongari vorrei sottolineare che probabilmente la vera follia sarebbe quella di non investire su un’area degradata e su una cascina ormai fatiscente come quella presente nel pieno centro di San Felice.

Si tratta di un Programma Integrato di Intervento nato nel lontano 2008 dalla giunta di centrosinistra, l’obiettivo principale è quello di una ristrutturazione complessiva nel pieno rispetto testimoniale e morfologico dei sedimi e dei caratteri principali del complesso immobiliare.

Non credo si possa parlare di cementificazione ma di un tentativo di ripristino di aree dismesse consentendo un mix di funzioni (negozi di vicinato e abitazioni) che dovrebbe contribuire alla rivitalizzazione della frazione.

Va in questa direzione anche l’apertura verso la via San Felice dell’attuale recinzione e il mantenimento del portone di legno (che verrà restaurato), in questo modo si renderà visibile e fruibile alla cittadinanza l’aia creando una piazza pubblica per il quartiere.

In linea più generale trovo molto discutibile aprire un dibattito pubblico ogni qualvolta operatori privati cercano di recuperare un patrimonio edilizio fatiscente, tutto in nome di una retorica della conservazione spesso attribuita a edifici non vincolati.

Il contrasto al consumo di suolo passa inevitabilmente attraverso la possibilità di rigenerare aree come quella presente a san Felice, la vera follia sarebbe invece quella di ostacolare interventi di recupero soprattutto se il contesto di riferimento è ormai aggravato da una situazione di grave obsolescenza strutturale degli edifici.

Andrea Virgilio Assessore al Territorio e alla casa Comune di Cremona

1579 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online