Giovedì, 26 novembre 2020 - ore 11.18

ARCHEOLOGIA: UN LIBRO IN ONORE DI MARCELLA FRANGIPANE

| Scritto da Redazione
ARCHEOLOGIA: UN LIBRO IN ONORE DI MARCELLA FRANGIPANE

L’Università di Roma Sapienza ha ospitato sabato, 17 ottobre, la presentazione dell’opera “Pathways through Arslantepe. Essays in Honour of Marcella Frangipane”, curata dagli studiosi Francesca Balossi Restelli, Andrea Cardarelli, Gian Maria Di Nocera, Linda Manzanilla, Lucia Mori e Giulio Palumbi.

L’opera presentata intende ripercorrere gli oltre quarant’anni di attività della professoressa Marcella Frangipane, studiosa e direttrice della Missione Archeologica Italiana in Anatolia Orientale, il suo contributo agli studi dello sviluppo delle società complesse ed il suo importante impegno sul campo che hanno contribuito alla candidatura del sito di Arslantepe (Malatya, Turchia) nella Lista del Patrimonio Mondiale UNESCO.

La missione archeologica ad Arslantepe, che usufruisce di un cofinanziamento del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, è attiva dal 1961 e, nel corso dei decenni, ha portato allo studio ed alla conservazione di quello che può ritenersi il più antico esempio di palazzo pubblico al mondo (3400-3200 a.C.).

La missione si inserisce nel quadro delle molte attività archeologiche e di restauro italiane attive in Turchia che, in alcuni casi da decenni, hanno creato una vera e propria tradizione di ricerca italiana nel Paese.

Alla presentazione sono intervenute le autorità accademiche della Sapienza Università di Roma e della Università Inönü di Malatya in Turchia, l’ambasciatore d’Italia in Turchia Massimo Gaiani, la Direzione Generale delle Antichità della Repubblica di Turchia, funzionari del MAECI, accademici e docenti italiani e stranieri. (aise)

269 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

Terremoto in Irpinia, i 90 secondi che cambiarono faccia alla Campania

Terremoto in Irpinia, i 90 secondi che cambiarono faccia alla Campania

Domenica 23 novembre 1980, alle 19:34, un sisma di magnitudo 6,9 gradi della scala Richter colpì i territori di Irpinia e Basilicata, causando quasi 3mila vittime. Furono rasi al suolo interi paesi e migliaia di case rimasero danneggiate. A decenni di distanza resta la memoria di una tragedia italiana e dell’incredibile speculazione degli anni della ‘ricostruzione’, mai completata e sulla quale molto incise la longa manus della camorra.