Martedì, 16 aprile 2024 - ore 10.22

Budapest, la metà degli ungheresi vive sotto la soglia di povertà

| Scritto da Redazione
Budapest, la metà degli ungheresi vive sotto la soglia di povertà

Secondo un recente sondaggio realizzato dall’istituto Tarki, quasi la metà degli ungheresi vive in famiglie caratterizzate da condizioni di povertà, disoccupazione e privazione di diritti sociali. Secondo il Tarki nel 2012 il 17,7% degli ungheresi ha vissuto entro la soglia di povertà corrispondente alla condizione di chi guadagna al mese il 60% del salario medio. Il dato rilevato relativamente al 2012 sarebbe quello più alto dalla caduta del regime. L’istituto sostiene che il 19,1% degli ungheresi appartiene alla fascia dei working poor e che il 36,7% vive in condizioni caratterizzate da privazioni importanti ossia in un contesto nel quale vengono a mancare quattro dei nove indici di benessere che comprendono per esempio la possibilità di beneficiare di un adeguato impianto di riscaldamento, il possesso di una macchina o la possibilità di fare vacanze annuali. Tarki ha calcolato che circa il 47% degli ungheresi vive in famiglie che rientrano in almeno una delle tre casistiche precedentemente menzionate e che l’8,1% dei nuclei familiari magiari sperimenta tutte e tre le condizioni. L’Ufficio Centrale di Statistica (KSH) ha ottenuto un tasso di povertà del 32% per il 2011, quello medio dell’Unione europea è stato del 24%. Cifre peggiori di quelle dell’Ungheria sono state ottenute in paesi quali la Bulgaria (48%), la Lettonia e la Romania (40%), la Croazia e la Lituania (33%).

Fonte http://www.rassegna.it/articoli/2013/10/31/106050/budapest-la-meta-degli-ungheresi-vive-sotto-la-soglia-di-poverta

2013-11-01

 

1236 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria