Domenica, 23 gennaio 2022 - ore 00.57

Casa dei Diritti a Milano festeggia un anno di vita

Majorino: ”Milano sempre più laboratorio nazionale dei diritti"

| Scritto da Redazione
Casa dei Diritti a Milano festeggia un anno di vita

Casa dei Diritti compie un anno. La sede del Comune che ospita servizi, sportelli e spazi dedicati alla difesa dei diritti dei cittadini è stata inaugurata il 15 dicembre 2013. Da allora ha ospitato 186 eventi, accolto oltre 11.000 partecipanti, seguito con i propri servizi più di 5.000 persone. Questo pomeriggio l’Assessore alle Politiche sociali, Pierfrancesco Majorino e Mauro Grimoldi, già Presidente dell’Ordine degli Psicologi della Lombardia e direttore Scientifico “pro bono” della Casa hanno tracciato un bilancio dei primi 12 mesi. Alla Casa dei Diritti sono stati trasferiti o aperti sportelli e spazi diversi: per il diritto alla dignità e alla protezione (contro la violenza di genere e la tratta); per il diritto alla Salute (servizio housing e tutoring area dipendenze e HIV/AIDS); per il diritto all’identità e alla libertà di amare (sportello LGBT); per il diritto alla genitorialità e alla vita (sportello fecondazione eterologa); per il diritto al rispetto delle proprie volontà (sportello dichiarazioni anticipate di volontà); per il diritto alla cittadinanza e alla cultura (sportello seconde generazioni e sportello antidiscriminazione etnica e religiosa).

La Casa dei Diritti insieme all’istituzione del Registro delle Unioni Civili, all’estensione del servizio Affido Milano alle coppie di fatto e ai single, all’adozione del Piano per l’abbattimento delle barriere architettoniche e all’ “istituzione” del diritto al compleanno ha contribuito a rafforzare il ruolo di Milano Laboratorio Nazionale dei Diritti.

“Da inizio anno – spiega l’assessore alle Politiche sociali, Pierfrancesco Majorino – quando la Casa dei Diritti materialmente ha mosso i suoi passi, si sono svolte 186 iniziative pubbliche. Basta questo primo dato a raccontare la ricchezza della scommessa che abbiamo lanciato attraverso la costruzione di un ‘laboratorio’ sui diritti civili e le libertà e che unisce i servizi tradizionali a nuove iniziative per tutelare le donne e gli uomini contro le discriminazioni, mettendo al centro di tutto e promuovendo la persona”. “Si tratta – aggiunge Majorino - di un esperimento assolutamente unico sul piano nazionale, che vuole raccontare il desiderio di tante e di tanti di affermare cocciutamente l’idea che Milano possa sempre di più essere un laboratorio nazionale dei diritti. Del resto, attraverso scelte compiute da diversi settori dell’Amministrazione comunale, il capoluogo lombardo ha sperimentato in pochi mesi e con successo il Registro delle Unioni civili, il Registro per le dichiarazioni anticipate del fine vita, l’incremento del 40 per cento delle domande di cittadinanza dei ragazzi di “seconda generazione” neo- maggiorenni, all’intensificarsi del lavoro della Rete dei centri antiviolenza”.

“Nella Casa dei Diritti – sottolinea Mauro Grimoldi, neo-Direttore Scientifico della Casa dei Diritti – si utilizzano parole pesanti come nascita, genitorialità, vita, amore, dignità, cultura, immigrazione, identità. È un progetto innovativo di grande respiro culturale ed etico. Oggi presentiamo un bilancio sociale del 2014 e un progetto di comunicazione della Casa in parte già in fase di realizzazione. Abbiamo dato nomi ai diritti che vengono già oggi tutelati dalla Casa: dignità e protezione delle donne dalla violenza, identità e libertà di amare, salute, vita e genitorialità, rispetto delle proprie volontà, cittadinanza e cultura”. “Vogliamo – prosegue Grimoldi – che Casa dei Diritti diventi riferimento culturale sui diritti, vincolato all’edificio di via de Amicis e al Comune di Milano ma aperto verso l’esterno. La legge 40, la sentenza Cucchi, i vaccini: vogliamo essere presenti sui temi di cui di volta in volta si discute e proporre momenti nuovi di incontro, rappresentando le diverse posizioni sulle questioni attuali che riguardano i diritti. Vogliamo creare accordi di sistema con le università, un ‘magazine’ e un progetto denominato ‘colora il sociale’ che informeranno su cosa succede all’interno della Casa dei Diritti, il primo laboratorio in Italia sui diritti umani”.

Fonte: Comune di Milano

822 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria