Sabato, 20 luglio 2019 - ore 07.58

Cgil-Cisl-Uil Bocciano la manovra 2019 del governo giallo-verde Pronti alla mobilitazione

I sindacati bocciano il maxiemendamento approvato al Senato. Manifestazione a gennaio. La politica economica del governo è "sbagliata, miope, recessiva, taglia su crescita e sviluppo, lavoro e pensioni, coesione e investimenti produttivi", negando al Paese un rilancio

| Scritto da Redazione
Cgil-Cisl-Uil Bocciano la manovra 2019 del governo giallo-verde  Pronti alla mobilitazione

Cgil-Cisl-Uil Bocciano la manovra 2019 del governo giallo-verde  Pronti alla mobilitazione

I sindacati bocciano il maxiemendamento approvato al Senato. Manifestazione a gennaio. La politica economica del governo è "sbagliata, miope, recessiva, taglia su crescita e sviluppo, lavoro e pensioni, coesione e investimenti produttivi", negando al Paese un rilancio

Cgil, Cisl e Uil bocciano la legge di bilancio approvata al Senato e attesa dall'ultimo passaggio alla Camera, e "sono pronte alla mobilitazione unitaria, che culminerà con una grande manifestazione nazionale a gennaio". La manovra è “sbagliata, miope, recessiva, taglia ulteriormente su crescita e sviluppo, lavoro e pensioni, coesione e investimenti produttivi, negando al Paese, e in particolare alle sue aree più deboli, una prospettiva di rilancio economico e sociale".

È questo il duro giudizio che le confederazioni esprimono in una nota unitaria sul maxiemendamento approvato la scorsa notte con voto di fiducia al Senato. “Per le modalità della sua approvazione -aggiungono - rappresenta una grave lesione alla democrazia parlamentare”. La piazza sarà dunque la risposta a "una impostazione di politica economica assolutamente sbagliata e che non recepisce le richieste della piattaforma unitaria" dei sindacati.

584 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online