Domenica, 31 maggio 2020 - ore 11.01

CNA Iniziativa a Casalmaggiore sul credito alle PMI

| Scritto da Redazione
CNA Iniziativa a Casalmaggiore sul credito alle PMI

SVILUPPO ARTIGIANO PRIMO CONFIDI 107 INTERREGIONALE ASSE VENETO-LOMBARDIA NEL CREDITO ALLE PMI
È operativa la fusione per incorporazione con Fidimpresa Lombardia:
Cremona, 26 ottobre 2011 – Si svolgerà domenica 30 ottobre 2011 alle ore 10.00 presso Sala “D” Istituto Santa Chiara, in Via Formis 3 a Casalmaggiore, il convegno organizzato dalla CNA di Cremona dal titolo “BASILEA 3, BANCHE E PICCOLE IMPRESE - politiche e strumenti di CNA a sostegno delle imprese e dell’economia”.

Il convegno fa parte di quella catena di eventi che sono partiti lo scorso 17 gennaio 2011, sul tema di "Una crisi poco fa..." e prevede l'ingresso e la partecipazione libera di chiunque ne fosse interessato.

Al convegno partecipano: Simone Balbo, Presidente di zona Casalmaggiore CNA Cremona; Massimiliano Montani, Presidente di CNA Cremona; Fiorentino Da Rold, Presidente del CdA di Sviluppo Artigiano; Giuseppe Vivace, Segretario di CNA Lombardia; Mario Borin, Amministratore Delegato di Sviluppo Artigiano; Luca Voltolini, Consigliere di Fedart Fidi; Corrado Boni, Consigliere del CdA di Sviluppo Artigiano e Fausto Cacciatori, Presidente di CNA Lombardia. Modera Bruno Cavagnoli Direttore CNA Cremona

La crisi finanziaria internazionale e la conseguente crisi economica stanno cambiando profondamente gli assetti dell’economia non solo sul piano internazionale, ma anche su quello interno: il sistema bancario sta applicando normative e criteri gestionali progressivamente sempre più restrittivi, prima con Basilea 2 ( con l’introduzione del rating) ora con Basilea 3 con la patrimonializzazione del sistema bancario e l’impatto inevitabile sulle imprese , specie quelle di piccole dimensioni, che sono state e sono tuttora soggette ad una drastica contrazione creditizia. La ripresa produttiva, dove si manifesta, lo fa con un profilo troppo basso e insufficiente a recuperare i livelli di occupazione e, in particolare, nella zona casalasca, a questo scopo si è costituita un’unità di crisi che vede coinvolti tutti i soggetti interessati al tema occupazionale e il sistema delle imprese è chiamato a fare la sua parte. In questo contesto, quindi, anche il tradizionale rapporto tra le banche e le piccole imprese è soggetto a cambiamenti e trasformazioni infatti, se da un lato non è possibile applicare meccanicamente alle imprese di minori dimensioni i criteri rigidi di rating, stabiliti dalle normative internazionali, dall’altro il merito di credito non può essere fondato solo sulla conoscenza diretta e sul rapporto personale tra banca e imprenditore.

C’è bisogno quindi che l’impresa cresca nella sua capacità gestionale, nel suo livello di patrimonializzazione, nella sua capacità di progettare il proprio sviluppo imprenditoriale anche attraverso gli strumenti che CNA è in grado di mettere in campo. Sviluppo Artigiano, Confidi 107 vigilato da Banca d’Italia, rende possibile l’accesso al credito garantendo i finanziamenti bancari a condizioni vantaggiose rispetto al mercato e le imprese hanno l’opportunità di migliorare e ottimizzare la gestione della propria azienda attraverso questo strumento che le CNA del Veneto e della Lombardia hanno promosso e sostenuto. In questa nuova sfida la CNA svolge un ruolo importante di affiancamento e di sostegno per le imprese, con una funzione di raccordo tra banca e impresa, utilizzando anche gli strumenti messi a disposizione della Regione per il credito agevolato e assistendo le imprese nella scelta della forma di finanziamento più adatta alle sue esigenze, favorendo anche le possibilità di accesso al credito. Questa iniziativa intende sottolineare e approfondire tutti questi aspetti del rapporto banca e impresa

1300 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

Coldiretti Cremona Clamorosa svolta di COPAGRI che ora invoca le quote-latte

Coldiretti Cremona Clamorosa svolta di COPAGRI che ora invoca le quote-latte

E chi glielo spiega adesso a Roberto Cavaliere che oggi a Casalbuttano sta protestando proprio a favore delle quote-latte? Già, perché Cavaliere - che oggi è presidente di Copagri Lombardia - fino a ieri è stato il leader dei Cobas del latte, del movimento di allevatori che chiedeva di poter produrre senza vincoli produttivi, in nome di quella libertà d’impresa che da sola avrebbe consentito di superare le crisi di mercato.