Giovedì, 02 luglio 2020 - ore 07.36

Coronavirus Deceduti RSA Cremonesi Huffingtonpost intervista Montini (Arsac) e Tanzi (ACS)

Riportiamo e rilanciamo alcuni passi delle interviste che Walter Montini, presidente Arsac ed Emilio Tanzi di Cremona Solidale hanno rilasciato al giornale online HuffingtonpostSe, come sembra questa situazione andrà avanti, andremo in fallimento, saremo costretti a chiudere

| Scritto da Redazione
Coronavirus Deceduti RSA Cremonesi Huffingtonpost intervista Montini (Arsac) e Tanzi (ACS) Coronavirus Deceduti RSA Cremonesi Huffingtonpost intervista Montini (Arsac) e Tanzi (ACS)

Deceduti nelle RSA Cremonesi Huffingtonpost intervista Montini (Arsac) e Tanzi (Cremona Solidale)

Riportiamo e rilanciamo alcuni passi delle interviste che Walter Montini, presidente Arsac ed Emilio Tanzi di Cremona Solidale hanno rilasciato al giornale online Huffingtonpost

Il caso  contagiati e defunti nella case di riposo (RSA) della provincia di Cremona , purtroppo , sta facendo notizia sulla stampa nazionale. Tutti sono alla ricerca della verità dei dati   a partire dal sindaco Gianluca Galimberti che scrive : La struttura ( Cremona Solidale) ha messo in campo, in autonomia (rispetto alla Regione), azioni a tutela di pazienti e lavoratori. Purtroppo tutto ciò (forse anche perché il virus si era già diffuso prima del Paziente 1 di Codogno) non ha potuto evitare molti decessi nella struttura: l’incremento dei morti sul 2019 è stato del 165%. E ricordiamoci sempre che dietro i numeri ci sono persone, affetti e famiglie a cui ci stringiamo. Le azioni per tutelare ospiti e lavoratori proseguono e prosegue il lavoro per la fase 2 con la graduale riattivazione a pieno regime di servizi e attività cliniche sempre con l’obiettivo primario della salute e della sicurezza.

red/welcr/gcst

---------- 

Huffingtonpost domanda  sia a  Walter Montini, che presiede “A.R.SA.C.” ed a Emilio Tanzi (Direttore ACS) : Quanti sono i positivi al coronavirus nelle trenta Rsa di Cremona e provincia i responsabili delle strutture non lo sanno ?

Risposta: “Non può dirtelo manco il padreterno”, risponde Walter Montini, E Emilio Tanzi, direttore”, aggiunge: “Niente dati, anche perché i positivi di oggi tra un paio di giorni potrebbero risultare negativi e viceversa.

E poi i numeri ufficiali dovrebbero diramarli Ats e Regione Lombardia”. HuffPost li ha chiesti  alla Regione Lombardia  hanno risposto che vengono forniti solo alla Commissione d’inchiesta - nominata qualche giorno fa dal presidente Attilio Fontana dopo che diverse residenze sanitarie assistenziali lombarde sono finite al centro di inchieste giudiziarie - con il compito di occuparsi della “valutazione della mortalità riconducibile a coronavirus all’interno delle Rsa, su tutto ciò che hanno fatto i gestori e su tutta l’attività che è stata messa in campo”, come ha detto l’assessore regionale al Welfare, Giulio Gallera.

Continua l’articolo .Nelle strutture del territorio cremonese, tra le province della Lombardia - come hanno confermato dall’Ats (l’ex Asl, oggi Azienda di tutela della salute) Val Padana, che comprende i territori di Cremona e Mantova - quella con la più alta percentuale di contagio in rapporto alla popolazione, dagli inizi di aprile si stanno eseguendo i tamponi, anche se “c’è chi li fa a tutti gli operatori e a tutti gli ospiti e chi, come me, ha scelto di farli solo al personale e agli ospiti che presentano sintomi riconducibili all’infezione da Covid-19”, sottolinea Montini. Criteri diversi, dunque. Ma la rabbia per quel che è successo nei giorni più drammatici dell’emergenza e la preoccupazione per quello che potrebbe succedere ora che il virus ha rallentato la corsa, adesso che, dopo il lockdown, si va verso la riapertura del Paese, sono le stesse in tutte e trenta le strutture, chiuse ai visitatori dal 22 febbraio. “Non ci sono state direttive chiare, il vizio di fondo sin dall’inizio di questa pandemia è stato quello di una visione “ospedalocentrica” per cui il territorio è stato abbandonato. Le Rsa della provincia di Cremona sono state abbandonate”, sbuffa Montini, l’indice puntato “contro Prefettura, Regione, Governo”. La prova dell’abbandono, per il presidente di “A.R.SA.C.” sta anche nel fatto che pure tra i vertici delle Rsa ci sono stati morti per Covid-19, “ma si è parlato e si parla solo dei medici e degli infermieri deceduti”. La gestione dell’emergenza, poi, “è stata burocratica e noi nelle strutture abbiamo dovuto far fronte anche ad aspetti di cui non avremmo dovuto occuparci. Siamo stati noi a chiudere ai visitatori quando ancora la Regione diceva che le visite erano consentite, di tenere aperti i centri diurni”.

Tanzi, che dirige un’azienda che conta 460 ospiti nel reparto residenziale e 120 nei centri diurni, racconta delle segnalazioni inoltrate “a chi di dovere” e cadute nel vuoto. Quando, al momento di ordinare le mascherine FFP2 per gli operatori, “mi sono trovato di fronte a prezzi da strozzino, 14 euro a pezzo”. Quando, durante le prime settimane di marzo, “le più tragiche, ho avuto punte di assenze del personale del 25%”. In entrambi i casi, “dov’erano i controllori?”. Nella struttura “Cremona Solidale” da gennaio a marzo si è registrato, rispetto allo stesso trimestre dell’anno passato, un incremento dei decessi del 165%, ma “il dato va contestualizzato nella provincia di Cremona, dove con l’emergenza coronavirus si è avuto un aumento della mortalità del 300%”, tiene a precisare il direttore generale. Oggi nelle Rsa “abbiamo mascherine, gel, visiere, c’è tutto”, elenca Montini, ma manca la tranquillità sul futuro. “Il virus andrà avanti, è certo. Delle case di riposo che ne sarà? - chiede il presidente dell’associazione delle Rsa della provincia di Cremona, e subito aggiunge: “Se, come sembra questa situazione andrà avanti, andremo in fallimento, saremo costretti a chiudere

Leggi tutto clicca qui

fonte Huffingtonpost

Foto da sx : Montini, Tanzi

In allegato il repor di Azienda Cremona Solidale sulla gestione Emergenza Coronavirus 

cremona 19 aprile 

 

 

Allegati Pdf:

Allegato PDF 1

1581 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online