Mercoledì, 20 ottobre 2021 - ore 06.14

#Covid-19.E’ mostruoso che i figli non possano andare a scuola |Max Ciocca (Cremona)

Ma che chiunque possa andare dall’altra parte dell’Italia a rifarsi l’acconciatura e che mia figlia – “erano tutti miei figli” - non possa attraversare la strada per andare in classe mi sembra mostruoso. Non ho altre parole.

| Scritto da Redazione
#Covid-19.E’ mostruoso che i figli non possano andare a scuola |Max Ciocca (Cremona)

#Covid-19 E il futuro è il grande assente di questi mesi.E’ mostruoso che i figli non possano andare a scuola |Max Ciocca (Cremona)

Certo, io so che il mio punto di vista mi restituisce solo immagini distorte.

Faccio il maestro, abbiamo due figlie nate negli anni 10.

Ho avuto la fortuna di poter studiare tante cose diverse e intuire – “capire” sarebbe presuntuoso - che quello che vedo dipende molto dal modo in cui lo guardo.

Ma penso che questo punto di vista non sia solo mio. E penso sia importante, per tutti.

Se siamo qui a raccontarcela, “dopo” tutto quello che è successo, è perché comunque immaginiamo un futuro. Un futuro per noi e per gli altri; ognuno in proporzioni diverse, non siamo tutti uguali.

E il futuro è il grande assente di questi mesi. Il futuro che ognuno di noi deve saper immaginare, quello in cui faremo affidamento soprattutto a persone più giovani di noi: in parlamento e nei consigli comunali, in sala operatoria e in corsia, dietro e sopra un palco, nella cura dell’individuo e nei contratti collettivi.

A chi è nato nel nuovo millennio abbiamo – “la storia siamo noi, attenzione, nessuno si senta escluso” – fatto capire che vale meno di una corsetta o della pipì di un cane. Abbiamo fatto capire che vengono prima aperitivi, sopracciglia perfette e palestre.

Abbiamo riaperto chiese, parrucchieri, pizzerie.

Ognuno frequenta i posti che preferisce, mica devo scegliere io dove volete andare.

E spero che si capisca che sono contento sia successo, che ho gli occhi lucidi quando guardo questa città devastata che sta provando a ripartire.

Ma che chiunque possa andare dall’altra parte dell’Italia a rifarsi l’acconciatura e che mia figlia – “erano tutti miei figli” - non possa attraversare la strada per andare in classe mi sembra mostruoso. Non ho altre parole.

E quando questa generazione sbaglierà - in parlamento, sul palco o in corsia - saremo noi a dover chiedere scusa.

“Non insegnate ai bambini, non insegnate la nostra morale”.

Cremona, 4 giugno 2020, centesimo giorno di chiusura delle scuole.

Francesco De Gregori, La storia siamo noi.

Arthur Miller, All My Sons.

 

fonte : pag FB Max Ciocca

 

925 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online