Martedì, 05 marzo 2024 - ore 11.47

Crema Foibe, revisionismo e neofascisti legittimati

17 Associazioni e partiti antifascisti prendono posizione contro questo brutto spettacolo per la democrazia e la memoria

| Scritto da Redazione
 Crema Foibe, revisionismo e neofascisti legittimati  Crema Foibe, revisionismo e neofascisti legittimati  Crema Foibe, revisionismo e neofascisti legittimati  Crema Foibe, revisionismo e neofascisti legittimati

Foibe, revisionismo e neofascisti legittimati: a Crema andrà ancora in scena un brutto spettacolo per la democrazia e la memoria

 Apprendiamo con sconcerto che sabato 10 febbraio andrà, ancora una volta, in scena a Crema una brutta pagina per i valori Costituzionali della nostra Repubblica nata dalla resistenza e dalla lotta alla prevaricazione fascista.

 I gruppi di “estrema destra”, che tuttavia non stentano a definirsi loro stessi neofascisti, di Lealtà e Azione e Progetto Nazionale, hanno promosso una manifestazione commemorativa “in ricordo dei Martiri delle Foibe”. Un pretesto nemmeno troppo celato per provocare, ancora una volta, la memoria collettiva.

 A Crema le normative per “occupazione di suolo pubblico” prevedono l’obbligo di sottoscrivere un documento in cui l’organizzazione dichiara “di riconoscersi nei valori costituzionali della Resistenza, ripudia il fascismo e nazismo ed afferma di non aver mai manifestato e di non professare ideologie razziste, xenofobe o antisemite, omofobe e antidemocratiche portatrici d’odio e di intolleranza religiosa”.

 Questi soggetti aggirano le normative perché, senza un gazebo o un tavolino, non vi sarebbe “occupazione di suolo pubblico”.

 Eppure per la giornata di sabato, “per evidenti motivi di sicurezza” due piazze con ampi parcheggi del centro storico e le vie adiacenti saranno transennate, di fatto occupando suolo pubblico, per ben 4 ore per consentire questa manifestazione revisionista organizzata da associazioni che dichiaratamente si ispirano ai nostalgici e antidemocratici valori del fascismo.

 Chiediamo alle istituzioni serie riflessioni a tutti i livelli affinché queste contraddizioni non si ripetano in futuro, nel rispetto dei valori costituzionali, con l’auspicio che anche la manifestazione di domani sia revocata.

 È legittimo e corretto approfondire il dibattito attorno al tema delle foibe, non lo diventa quando questo è un pretesto per mettere in discussione i valori della resistenza e della memoria e ancor meno lo è quando a proporlo, con manifestazioni dal sapore squadrista, sono organizzazioni di stampo neofascista.

 Ribadiamo, con fermezza, che continueremo a chiedere in tutte le sedi opportune, che tutte le organizzazioni di stampo neofascista e neonazista siano sciolte, rispettando la Costituzione e le normative vigenti.

 Sottoscrivono:

 Sinistra Italiana Provincia di Cremona

 ANPI Provinciale Cremona

 PSI Crema

 Rifondazione Comunista del Cremasco

 CGIL Cremona

 ARCI - Comitato Provinciale di Cremona

 Associazione di amicizia Italia Cuba (circolo di Crema)

 Giovani Comunisti/e Cremona

 Partito Democratico Provincia di Cremona

 UGS - Unione dei Giovani di Sinistra

 Europa Verde Provincia di Cremona

 Alleanza Verdi e Sinistra provincia di Cremona

 Unione Popolare Cremona

 Arcigay Cremona La Rocca

 Giovani Democratici Provincia di Cremona

 Donne Democratiche Provincia di Cremona

 UIL Cremona

 

 

487 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online