Martedì, 27 settembre 2022 - ore 00.51

Cremona, Camera di Commercio: ecco i dati del secondo trimestre 2016

Il periodo aprile-giugno 2016 ha visto risalire a un +0,9% il dato destagionalizzato della produzione industriale cremonese

| Scritto da Redazione
Cremona, Camera di Commercio: ecco i dati del secondo trimestre 2016

«I dati congiunturali del secondo trimestre 2016 – commenta il Presidente della Camera di Commercio di Cremona, Gian Domenico Auricchio – confermano le difficoltà del sistema manifatturiero cremonese: se, da un lato, riprende la produzione, dall’altro continuano a scendere sia il fatturato che gli ordinativi, anche se a un ritmo inferiore rispetto al trimestre scorso. In questa situazione generale contrassegnata ancora da segnali di debolezza e dai timori manifestati dagli imprenditori per gli effetti di Brexit, sono ancora l’innovazione e l’apertura ai mercati internazionali a rappresentare i fattori di competitività in grado di fare la differenza. Ed è proprio su questi fronti che la Camera di Commercio, assieme a Regione Lombardia, attraverso il rinnovato Accordo per lo Sviluppo Economico e la Competitività, continuerà a concentrare i propri sforzi a supporto delle imprese». Questi, in estrema sintesi, sono i risultati che provengono dalla consueta indagine congiunturale condotta trimestralmente da Unioncamere Lombardia in collaborazione con l’Associazione Industriali, Confartigianato e CNA, e che coinvolge ogni trimestre due campioni distinti di aziende manifatturiere, industriali e artigiane, e che ha interessato complessivamente 121 imprese cremonesi appartenenti a tutte le principali attività del comparto presenti in provincia.

Il periodo aprile-giugno 2016 ha visto risalire a un +0,9% il dato destagionalizzato della produzione industriale cremonese dopo l’arretramento del trimestre scorso, in linea con il dato lombardo. Il fatturato scende ancora di un punto percentuale, dopo il -1,6% del primo trimestre, confermando quindi l’interruzione del trend complessivamente positivo che durava da circa tre anni. Responsabile dell’arretramento è ancora il mercato interno (-2,1%), mentre quello estero si mantiene positivo (+0,7%), pur manifestando un rallentamento che non interrompe una crescita che dura ininterrottamente da tre anni. Il periodo aprile-giugno 2016 ha visto dunque il dato destagionalizzato della produzione industriale cremonese riprendersi dopo l’arretramento registrato nel trimestre scorso. L’indice destagionalizzato cremonese, grazie soprattutto alle buone performance manifestate in precedenza, riesce a mantenersi il più alto in regione dietro a Lecco e a contenere in tre punti percentuali il gap rispetto ai livelli precrisi, mentre la Lombardia deve ancora recuperarne 8 punti percentuali e alcune province ben più di 10. Il fatturato scende ancora di un punto percentuale, dopo il -1,6% del primo trimestre, confermando quindi l’interruzione del trend complessivamente positivo che durava da circa tre anni. La variazione negativa è da attribuirsi al calo del fatturato interno (-2,1%), mentre quello estero si mantiene positivo (+0,7%).

1049 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria