Sabato, 08 agosto 2020 - ore 07.35

Cremona, Coldiretti: ‘L’etichetta, nostra alleata’, incontro Coldiretti-Stanga

Nell’ambito del progetto “Agribenessere: il cibo non è solo cibo”

| Scritto da Redazione
Cremona, Coldiretti: ‘L’etichetta, nostra alleata’, incontro Coldiretti-Stanga

L’etichetta, nostra alleata: questo il titolo dell’incontro proposto da Coldiretti Cremona, in collaborazione con l’Istituto d’istruzione superiore Stanga, agli alunni dell’istituto agrario, nell’ambito di Agribenessere: il cibo non e solo cibo, progetto di educazione agroalimentare presentato dal Comune di Cremona, in collaborazione con Regione Lombardia, che vede in campo in qualità di partner Coldiretti Cremona e Slow Food.

L’incontro è fissato per lunedì 28 novembre, alle ore 10:00, nell’aula magna dell’Istituto Stanga, e coinvolgerà circa 150 alunni, insieme a insegnanti e rappresentanti dei genitori. La relazione è affidata al dott. Lorenzo Bazzana, Area economica Coldiretti nazionale, che proporrà un’approfondita analisi in merito al valore delle etichette, all’utilità di saperle leggere e naturalmente alla necessità di avere etichette chiare e trasparenti – con l’indicazione dell’origine – per tutti i cibi.

L’appuntamento – sottolinea Coldiretti Cremona – rientra in un percorso che, coinvolgendo le scuole del territorio, sta dando vita a una serie d’attività (dalle lezioni in classe ai laboratori del gusto, passando per la visita alle aziende agricole e nei Mercati di Campagna Amica) che invitano gli studenti a riflettere sul valore del cibo, sul legame con il territorio e la tradizione, nonché a promuovere la conoscenza dell’agricoltura e del sistema agroalimentare, a partire dai “tesori del gusto” che nascono nei nostri territori.

769 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

Coldiretti Cremona Clamorosa svolta di COPAGRI che ora invoca le quote-latte

Coldiretti Cremona Clamorosa svolta di COPAGRI che ora invoca le quote-latte

E chi glielo spiega adesso a Roberto Cavaliere che oggi a Casalbuttano sta protestando proprio a favore delle quote-latte? Già, perché Cavaliere - che oggi è presidente di Copagri Lombardia - fino a ieri è stato il leader dei Cobas del latte, del movimento di allevatori che chiedeva di poter produrre senza vincoli produttivi, in nome di quella libertà d’impresa che da sola avrebbe consentito di superare le crisi di mercato.