Giovedì, 24 giugno 2021 - ore 11.27

Cremona Degli Angeli e Nolli (M5S) Insistono: convocare l’ Osservatorio Arvedi.

Le azioni della Giunta non convincono il M5S. “Due anni senza convocazioni e si pensa a cambiare nome. Si agisca piuttosto con coerenza nel rispetto dei cittadini”

| Scritto da Redazione
Cremona Degli Angeli e Nolli (M5S) Insistono: convocare l’ Osservatorio Arvedi.

Cremona Degli Angeli e Nolli (M5S) Insistono: convocare l’ Osservatorio Arvedi.

Le azioni della Giunta non convincono il M5S. “Due anni senza convocazioni e si pensa a cambiare nome. Si agisca piuttosto con coerenza nel rispetto dei cittadini”

Sulla questione Osservatorio Arvedi, il M5S  torna alla carica. Lo annunciano il consigliere Regionale Marco Degli Angeli assieme al consigliere comunale Luca Nolli e lo lo fanno attraverso un’interrogazione al comune di  Cremona.

“L’osservatorio Arvedi - spiega Degli Angeli - è stato costituito con l’obiettivo di verificare l’osservanza e l’attuazione pratica di tutte le prescrizioni contenute nella convenzione urbanistica stipulata con l'azienda. Ebbene - chiosa Degli Angeli - sono passati due anni dall’ultima convocazione dell’Osservatorio nonostante tutte le criticità, che per mezzo stampa, sono emerse negli ultimi tempi. È inammissibile e contrasta con i principi secondo i quali l’Osservatorio è stato istituito nel 1989”.

L’interrogazione a risposta orale che il consigliere Luca Nolli presenta si inserisce nel solco delle parole di Degli Angeli: “La Giunta Galimberti - spiega il consigliere comunale - avrebbe dovuto rinnovare la composizione dell’Osservatorio a seguito del proprio insediamento. Sono passati quasi 500 giorni da allora. Ora sembra esserci una data, il 19 ottobre, ma per il M5S non è sufficiente.

Nolli si chiede con quale cadenza, si spera regolare, il Comune intenda convocare l’Osservatorio Arvedi e che fine abbia fatto quella annunciata in campagna elettorale dallo stesso primo cittadino di Cremona, Gianluca Galimberti. Se l’obiettivo del sindaco sono quelli di costituire un nuovo osservatorio, che si aggiungerebbe a quelli già esistenti, ma non ancora attivati dall’attuale amministrazione, gli intenti dei due consiglieri pentastellati sono quelli di comprendere quale percorso istruttorio sia stato compiuto e, soprattutto, se ci siano stati dei momenti di confronto tra le associazioni dei sindacati e il Comitato di quartiere di Cavatigozzi (che da anni denuncia continui disagi ndr) nonché tra le associazione ambientaliste e le aziende lungo il Porto Canale.

448 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online