Lunedì, 05 dicembre 2022 - ore 02.40

DARIO ROMANO E PEPPE POSTORINO: BIPERSONALE ALLA SOLIS WIN ART GALLERY

FINO AL 30 OTTOBRE

| Scritto da Redazione
DARIO ROMANO E PEPPE POSTORINO: BIPERSONALE ALLA SOLIS WIN ART GALLERY DARIO ROMANO E PEPPE POSTORINO: BIPERSONALE ALLA SOLIS WIN ART GALLERY

Continua con successo l’attività espositiva alla Solis Wine Art Gallery di Brescia. Negli spazi di via Indipendenza 31 si apre la mostra bipersonale di Dario Romano e Peppe Postorino. L’inaugurazione è in programma sabato 1 ottobre alle ore 17,30 con la presentazione del critico Simone Fappanni.

Tema centrale della rassegna è l’origine, che viene declinato in maniera molto diversa, e quindi estremamente accattivante, dai protagonisti di questo nuovo evento. Non si tratta, quindi, di un “confronto” su un soggetto particolare, quanto piuttosto una visione “a più sguardi” dello stesso che, in quanto tale, consente di averne una percezione più ampia e diversificata. Secondo Fappanni, «Romano persegue una precisa poetica del sentire che accosta il reale attraverso particolari immagini mimetiche. Esse fondono, in una sintesi perfetta, quasi alchemica verrebbe da dire, significati e significanti, portando alla ribalta i vizi, tanti, e le virtù, poche, dell’uomo contemporaneo.  Un linguaggio mimetico che si fonda su un infinito pantheon di animali dei quali viene rappresentata, spesso, la loro empatia, anche nei confronti dell’uomo, oltre a quella connaturata spontaneità che ne individua l’essenza. Ecco allora il richiamo di Romano a quella istintività primordiale, delle origini, che si riflette nei comportamenti dei bambini, interlocutori primari degli animali, che proprio per la loro “innocenza” davanti alla complessità problematica del mondo, possiedono una purezza che si traduce, nella ricerca di Dario, in gesti e posture naturali, lontani anni luce da una certa becera, quanto inefficace solennità dell’età adulta. Ma è anche, in certi tratti, il riflesso di un’invocazione al rispetto per il mondo animale e per la sua purezza ancestrale».Mentre per quanto riguarda Postorino, lo studioso fa osservare che l’artista «ci richiama alle nostre origini attraverso un gesto perentorio. Non è un anacronismo, ma un’urgenza a cui tutti dovremmo rispondere. E dovremmo farlo sinceramente. Perché l’artista ci conduce per mano, senza remore o aprioristiche censure, all’interno di ciò che siamo o che vorremmo essere. Inutile scomodare Erick Fromm e la sua dicotomia fra l’essere e l’apparire. Ormai l’epoca contemporanea è solo apparenza ostentata a tutti i costi. Qui si tratta di seguire un segno primordiale perché è in esso che possiamo, o forse dobbiamo, tornare per scoprire chi “realmente” siamo. Perché per capire meglio noi stessi e il nostro esserci nel mondo, e questa volta vale davvero mutuare, seppure per un istante, un linguaggio intenzionalmente heideggeriano, è necessario, se non indispensabile, ripensare a noi stessi e da dove siamo venuti. Pena il farsi tristemente scorrere addosso la vita. Ecco allora che gli artisti, e Postorino in primis, ci richiamano all’ordine. Un ordine mentale che non è un mantra vuoto o accessibile soltanto a pochi iniziati. È un gesto generativo che si carica di colori e umori, quelli dell’esistenza, che si caricano di una forza, vitale e vitalistica, che ci aiuta guardare dentro noi stessi e ci interroga». La bipersonale può essere visitata gratuitamente fino al 30 ottobre

356 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria