Martedì, 16 agosto 2022 - ore 18.47

Diritti dei bambini : Il PE si mobilita con una serie di iniziative di Sergio Cofferati

La difesa dei diritti dei bambini e la garanzia di condizioni di vita dignitose per loro dovrebbe essere una priorità nell’azione della Unione Europea.

| Scritto da Redazione
Diritti dei bambini : Il PE si mobilita con una serie di iniziative di Sergio Cofferati

Sebbene i diritti dei minori siano riconosciuti esplicitamente nella Carta dei diritti fondamentali, la situazione nella UE per quanto riguarda le condizioni di vita dei bambini resta tuttavia tutt’altro che positiva e tende, in ragione della crisi economica e delle politiche di austerità adottate, a peggiorare piuttosto che a migliorare.

Per citare alcuni dati, secondo l’Eurostat nel 2013 26,5 milioni di bambini erano a rischio di povertà e di esclusione sociale tra i Paesi membri e, tra il 2008 e il 2012, il numero di bambini a rischio di povertà o di esclusione sociale in Europa (UE-27 + Norvegia, Islanda e Svizzera) è aumentato di quasi un milione, con un incremento di mezzo milione nel solo periodo compreso tra il 2011 e il 2012. Sempre secondo Eurostat, nel 2013 negli Stati membri dell’UE-28 il 28 % della popolazione totale di età inferiore ai 18 anni si trovava a rischio di povertà o di esclusione sociale e, nella grande maggioranza dei paesi, il rischio di povertà e di esclusione sociale è maggiore per i bambini che per gli adulti.

Il Parlamento Europeo ha approvato nelle scorse settimane un Rapporto per richiedere agli Stati membri ed alla Commissione di stabilire la lotta alla povertà infantile come priorità nella loro azione e d’intensificare gli sforzi in materia di lotta contro le disuguaglianze sociali, concentrandosi in particolare sulla povertà infantile. Il Rapporto approvato contiene diverse importanti proposte per assicurare che i bambini siano protetti, godano di condizioni di vita dignitose ed abbiano accesso ad una valida istruzione pubblica e gratuita, alla protezione sociale ed ai servizi sanitari, ad una nutrizione certa e ad alloggi sicuri (in particolare per i bambini abbandonati che non dispongono di una casa). Il Rapporto propone inoltre la costituzione di fondi di garanzia per i minori. Seguendo questo link si può leggere il Rapporto integrale, con le proposte del Parlamento.

Gli Stati membri e la Commissione Europea devono assumersi le loro responsabilità rispetto a questo tema centrale nella costruzione di una società più giusta ed inclusiva ed sempre più urgente una loro azione decisa per combattere la povertà infantile, con progetti efficaci e risorse adeguate.

Un’altra iniziativa che intraprenderemo nelle prossime settimane al Parlamento Europeo per difendere i diritti dei bambini è quella di promuovere una Dichiarazione Scritta sui diritti dei minori figli di carcerati, cui stiamo lavorando assieme a Patrizia Toia, Caterina Chinnici ed altri colleghi. I figli di carcerati sono oggi in Europa più di 800.000 e la Dichiarazione mira a richiedere a Commissione Europea e Stati membri di promuovere lo sviluppo delle politiche necessarie a superare la discriminazione di cui troppo spesso essi soffrono. E’ importante infatti garantire che i genitori carcerati possano avere, quando possibile, diverse autorizzazioni per incontri con i loro figli e possano essere presenti a eventi importanti della loro vita familiare, con la finalità di salvaguardare il benessere dei bambini e il loro diritto a mantenere una relazione con i loro genitori.

Fonte: Sergio Cofferati

 

1074 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online