Mercoledì, 22 gennaio 2020 - ore 09.08

Elezioni Regionali 2015. Il riformismo dall’alto non paga. Intervista con Luciano Pizzetti

La festa del 2 giugno non è retorica ma cementa l’unità repubblicana del paese

| Scritto da Redazione
Elezioni Regionali 2015. Il riformismo dall’alto non paga. Intervista con Luciano Pizzetti

Il giorno dopo le elezioni regionali 2015- con in carica il governo Renzi- abbiamo sentito telefonicamente il Sen. e sottosegretario Luciano Pizzetti Il suo giudizio è duplice: da un lato ritiene che in termini calcistici il Pd abbia vinto 5 a 2 , ma in termini politici il Pd ha dei problemi che vanno affrontati al più presto.‘ Da un lato- sostiene Pizzetti- a sinistra del Pd non vi è spazio e dall’altro il riformismo dall’alto non paga. Renzi si deve rendere conto che deve dialogare con il paese per ottenere consenso sul processo di riforme che ha avviato. Però anche la minoranza del Pd deve rendersi conto che non vi è una alternativa a Renzi e quindi lavorare per ottenere i massimi risultati possibili. Del resto sono aumentate le forze estremiste come la Lega che hanno svuotato Forza Italia. Di fronte quindi ad indubbi successi ( Toscana, Umbria, Marche, Puglia, Campania) il Pd deve riprendere una discussione interna di merito). In Liguria la candidata del Pd prende meno voti della coalizione e Pastorino prende più voti della coalizione politica che lo sostiene. Il governo non è in discussione ma deve aprire una forte riflessione su come mandare avanti il processo riformatore del paese’.

Sulla festa repubblicana del 2 giugno sottolinea la necessità che sia un momento di unità del paese e non di divisione.

Intervista di  Gian Carlo Storti

 

Allegati audio:

Audio 1:

1440 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

La telefonata con Laura Valenti (Flc-Cgil Cremona)  A che punto siamo  con il confronto con il Governo sulla Scuola?

La telefonata con Laura Valenti (Flc-Cgil Cremona) A che punto siamo con il confronto con il Governo sulla Scuola?

In questa breve telefonata Laura Valenti, segretaria generale FLC-Cgil Cremona) fa il punto della situazione del confronto con il governo a seguito della revoca dello sciopero del 17 maggio indicando i problemi aperti: No alla regionalizzazione del sistema istruzione, questione dei precari e ulteriori risorse economiche da garantire al personale di ogni ordine e grado