Venerdì, 12 agosto 2022 - ore 11.56

Gas: la Russia conquista la Bielorussia

| Scritto da Redazione
Gas: la Russia conquista la Bielorussia

Gas: la Russia conquista la Bielorussia
Il Presidente russo, Vladimir Putin, firma l'accordo per l'acquisizione della compagnia statale bielorussa Bieltransgaz. Il Cremlino controlla il transito del gas fino ai confini dell'UE.
La conquista di un angolo d'Europa per mantenere il dominio sul resto del Vecchio Continente. Nella giornata di Domenica, 31 Dicembre, il Presidente russo, Vladimir Putin, ha ratificato il contratto per l'acquisizione da parte del monopolista statale del gas, Gazprom, del 100% della compagnia energetica bielorussa Bieltransgaz.
Come riportato da Gazeta Wyborcza, l'accordo, concluso già da circa un anno, permette alla Russia di controllare la compravendita di gas nel mercato della Bielorussia con i prezzi e le modalità stabiliti da Mosca.
Inoltre, Gazprom, che prima della firma dell'accordo possedeva il 50% della Bieltransgaz, e diventato l'unico operatore del transito del gas attraverso i gasdotto bielorussi verso l'Unione Europa e l'unico gestore del tratto bielorusso del gasdotto Yamal-Europa, che rifornisce di oro blu la Germania dalla Russia attraverso la Polonia.
La mossa di Putin e una risposta al mancato prolungamento del Nordstream: gasdotto costruito sul fondale del Mar Baltico per rifornire di 55 Miliardi di metri cubi di gas direttamente la Germania, e bypassare Paesi politicamente ostili al Cremlino come Polonia e Stati Baltici.
Per dividere l'Europa al suo interno, e coinvolgere anche la Gran Bretagna, Putin ha ipotizzato l'ampliamento del Nordstream, ma ha dovuto rifiutare in seguito al permesso negato da parte dell'Estonia, attraverso le cui acque territoriali il gasdotto avrebbe dovuto transitare.
Minsk esporta Euro 3 in Europa
Un'altra ragione della firma dell'accordo e legata al l'esportazione del greggio.
In cambio della cessione del pacchetto totale della Bieltransgaz, la Bielorussia ha ottenuto l'aumento delle forniture di greggio dalla Russia.
Mosca, che non è in grado di produrre greggio della categoria Euro 3 - richiesto dalla legge UE per rispettare i parametri ambientali - ha così trovato un mercato alternativo a quello dell'Unione Europea ove collocare il suo oro nero altamente inquinante.
Allo stesso tempo, la Bielorussia, che produce greggio di categoria Euro 3, può avvalersi delle forniture dalla Russia per destinare la produzione interna alle esportazioni in Europa.

Matteo Cazzulani
Free lance journalist and energy deals consultant m.cazzulani@gazeta.pl Twitter @MatteoCazzulani Facebook - Matteo Cazzulani Skype - prometeoarancione

 

834 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria