Martedì, 24 maggio 2022 - ore 03.56

I laureati in Scienze naturali e Scienze ambientali esclusi dai primi bandi del Pnrr

Bogliani: ''Il Governo deve cambiare scelta nei prossimi bandi regionali, evitando che si ripeta questa incresciosa situazione''

| Scritto da Redazione
I laureati in Scienze naturali e Scienze ambientali esclusi dai primi bandi del Pnrr

I laureati in Scienze naturali, vecchio ordinamento o nelle successive lauree magistrali di Scienze della natura (LM60) e Scienze ambientali (LM/75),  sono stati esclusi dall’accesso ai primi bandi di quattro regioni (Abruzzo, Emilia Romagna, Sardegna, Sicilia) per figure tecniche del Pnrr.

Questo benché il loro percorso di studio e le esperienze lavorative successive li abbiano portati ad acquisire notevoli competenze e capacità di lavoro nei settori propri e indicati nelle declaratorie ministeriali di istituzione dei Corsi di Laurea, attivi ora in 18 (LM60) e 26 (LM75) sedi universitarie.

Fra i compiti previsti dai professionisti selezionati vi saranno i seguenti:

1. Attività di consulenza e di supporto tecnico-specialistico nella gestione delle attività di Valutazioni ambientali (Via e Screening) di progetti, piani e programmi (Vas);

2. Attività di consulenza e di supporto nella redazione e gestione di piani di carattere ambientale per enti pubblici territoriali (Piano aria integrato; Piano di tutela delle acque; Piani di tutela dall’inquinamento acustico, elettromagnetico, luminoso);

3. Attività di consulenza e di supporto specialistico nella gestione di attività di valutazione delle componenti naturali, ambientali, paesaggistiche, culturali, socioeconomiche, demografiche e insediative del capitale territoriale;

4. Attività di consulenza e di supporto specialistico nella gestione di attività di valutazione della sostenibilità territoriale ed ambientale di piani e programmi di competenza di enti pubblici territoriali e di valutazioni di impatto ambientale di progetti ed opere dell’ingegneria civile o di altre attività.

Sono ammessi alla selezione i laureati in Ingegneria, Scienze della terra, Scienze biologiche; non sono ammessi i laureati in Scienze naturali e scienze ambientali. È comprensibile che nei progetti Pnrr debba essere coinvolta una pluralità di competenze; tuttavia, si deve considerare che per tutte quattro le tipologie di compiti, i laureati in Scienze naturali e Scienze ambientali possiedono la necessaria formazione. Il Governo deve cambiare scelta nei prossimi bandi regionali, evitando che si ripeta questa incresciosa situazione.

Per quanto riguarda i bandi già pubblicati per le quattro regioni sopra indicate, le associazioni scientifiche associate nella Fisna – Federazione italiana di scienze della natura e diverse sue singole affiliate, come l’Uzi – Unione zoologica italiana e il Ciso – Centro italiano studi ornitologici, adiranno a ogni azione necessaria, a livello nazionale e di Unione Europea, per far sì che le legittime aspirazioni dei laureati in Scienze naturali e Scienze ambientali trovino accoglimento. Ma soprattutto per consentire alle figure professionali meglio preparate su queste tematiche possano contribuire al raggiungimento degli obiettivi ambientali del Pnrr.

191 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria