Sabato, 03 dicembre 2022 - ore 06.04

I nidi di Tadashi Kawamata sugli edifici di Milano

Anticipazione della rassegna che aprirà il 31 marzo

| Scritto da Redazione
I nidi di Tadashi Kawamata sugli edifici di Milano

Rimandano alla necessità universale di costruire, sia nel mondo animale che in quello umano, un luogo in cui trovare riparo, i nidi scelti da Tadashi Kawamata come protagonisti delle installazioni, visibili da oggi su alcuni edifici del quartiere di Brera, a Milano, dove l'artista giapponese è stato invitato per la prima volta dalla galleria Building per realizzare quattro interventi site-specific, anticipazione della mostra che aprirà il 31 marzo.

     Per ora, grandi nidi di legno sono spuntati sulle architetture di quattro edifici: gli interni e la facciata di Building, il Cortile della Magnolia del Palazzo di Brera, il Centro Congressi di Fondazione Cariplo, il Grand Hotel et De Milan.

La mostra Nests in Milan, a cura di Antonella Soldaini, è invece in programma dal 31 marzo al 23 luglio 2022. Kawamata ha cominciato a indagare il tema del nido a partire dal 1998, quando le sue costruzioni lignee, che in passato avevano forme astratte, si sono visualmente avvicinate a raffigurare dapprima una baracca e a seguire un nido. Installato nei punti più disparati: su un palo della luce a Bonn (2007), sulla facciata del Centre Georges Pompidou a Parigi (2010) e sulla facciata di Palazzo Strozzi a Firenze (2013). Una volta finita la mostra, le opere saranno smontate e gli elementi lignei con cui sono state costruite saranno utilizzati per un diverso scopo. (ANSA).

558 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria