Venerdì, 24 gennaio 2020 - ore 05.49

IDV..Natale non proprio tanquillo

| Scritto da Redazione
IDV..Natale non proprio tanquillo

ROMA - E' stato un Natale non proprio tranquillo per l'Italia dei
valori. Dopo le improvvise "conversioni" dei deputati Domenico Scilipoti
e Antonio Razzi, già antiberlusconiani di ferro che poi hanno votato la
fiducia a Berlusconi lo scorso 14 dicembre, era inevitabile che sul
banco degli imputati finisse nuovamente la gestione del padre-padrone
del partito, quello cioè che aveva redatto le liste, Antonio Di Pietro.
Un'occasione servita sul piatto d'argento per il maggior competitor
interno dell'Idv, Luigi De Magistris. Che insieme a Sonia Alfano e
Giulio Cavalli aveva scritto una lettera, durissima, all'ex pm. Lettera
presa non bene da Di Pietro che ha risposto attraverso un video
pubblicato su internet.

fonte: www.mondonuovonews.com

1227 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

IL MINISTRO BELLANOVA INCONTRA LA RELATRICE ONU PER IL DIRITTO AL CIBO HILAL HELVER

IL MINISTRO BELLANOVA INCONTRA LA RELATRICE ONU PER IL DIRITTO AL CIBO HILAL HELVER

La lotta agli sprechi alimentari, la legge contro il caporalato in agricoltura, l'eccellenza del sistema italiano di controllo, repressione e tutela a protezione della salute dei consumatori e contro le pratiche sleali e la contraffazione, l'impegno per un'agricoltura sostenibile sotto il profilo sociale, ambientale, economico, capace di attrarre nuove generazioni e donne, di tutelare il reddito degli agricoltori, di connotarsi sempre più nel senso dell'innovazione e della ricerca per la sostenibilità.
Democrazia, diritti e nuova legge elettorale per la Calabria: le richieste del CDC.

Democrazia, diritti e nuova legge elettorale per la Calabria: le richieste del CDC.

Il Coordinamento per la Democrazia Costituzionale (CDC) di Cosenza e provincia, chiede ai 4 candidati aspiranti Presidente della Regione Calabria, in vista delle imminenti elezioni del 26 gennaio 2020, che assumano impegno diretto e personale a garantire nel loro mandato politico un corretto esercizio della Democrazia e della Trasparenza a difesa della moralità pubblica e della Costituzione italiana che è stata approvata nel 1947 e vincola tutti i poteri pubblici, anche quelli regionali.