Lunedì, 25 gennaio 2021 - ore 04.09

Il Tabellino CREMONESE-TORINO 1-1 Campionato di serie A 1993-94 di Giorgio Barbieri

Prima di andare quattro giorni in vacanza in Francia (purtroppo non potrò partecipare al funerale di Mondonico che è sabato mattina alle 10 a Rivolta d'Adda) metto il tabellino di Cremonese-Torino, terzultima gara di ritorno del campionato di serie A 1993-94.

| Scritto da Redazione
Il Tabellino   CREMONESE-TORINO 1-1 Campionato di serie A 1993-94 di Giorgio Barbieri

Il Tabellino   CREMONESE-TORINO 1-1 Campionato di serie A 1993-94 di Giorgio Barbieri

Prima di andare quattro giorni in vacanza in Francia (purtroppo non potrò partecipare al funerale di Mondonico che è sabato mattina alle 10 a Rivolta d'Adda) metto il tabellino di Cremonese-Torino, terzultima gara di ritorno del campionato di serie A 1993-94.

In panchina del Torino proprio Emiliano Mondonico. Si gioca allo Zini sotto una pioggia torrenziale. La partita finisce 1-1, frutto di due autoreti (Dezotti su tiro di Sordo e Venturin su botta di Maspero) che oggi sarebbero gol di chi ha calciato a rete. Da segnalare anche un palo colpito da Tentoni. Un altro mattoncino verso la salvezza.

CREMONESE-TORINO 1-1

MARCATORI Dezotti (autorete) al 9', Venturin (autorete) al 15'.

CREMONESE: Turci, Gualco (dal 75' Montorfano), Lucarelli, Giandebiaggi, Pedroni, Verdelli, Cristiani (dal 64' Ferraroni), Nicolini, Dezotti, Maspero, Tentoni. In panchina Mannini, Castagna, Florjancic. ALLENATORE Gigi Simoni.

TORINO: Galli, Annoni, Jarni, Sergio, Gregucci (dall'84' Sottil), Fusi (dal 46' Sinigaglia), Sordo, Fortunato, Silenzi, Francescoli, Venturin. In panchina Pastine, Sesia, Poggi. ALLENATORE Emiliano Mondonico.

ARBITRO Stafoggia di Pesaro, assistenti Pala e Saia.

NOTE: Ammonito Gregucci. Calci d'angolo 7-3 a favore del Torino.

Mi sembra doveroso proprio nel giorno della sua morte ricordare la carriera di Emiliano Mondonico, nato a Rivolta d'Adda il 9 marzo 1947 e morto a Milano il 29 marzo 2018. Da giocatore iniziò a dare i primi calci a pallone prima all'oratorio e poi nella Rivoltana. Arrivò alla Cremonese nel 1966, ruolo ala. In grigiorosso giocò due campionati, con 46 presenze e 19 gol. Poi passò al Torino, dove rimase due stagioni. Dal Piemonte alla Lombardia, al Monza per un campionato prima di approdare all'Atalanta. Dal 1972 al 1979, anno del ritiro calcistico, giocò sempre nella Cremonese, collezionando 178 presenze e segnando 69 reti. L'anno dopo era alla guida delle giovanili della Cremonese, per poi arrivare in prima squadra nel 1982. Salvezza in serie B, spareggi per la A e nel 1983-84 promozione nella massima categoria dopo 54 anni. Poi in panchina al Torino, al napoli, al Cosenza, alla Fiorentina, all'Albinoleffe. Nel 2007 il nuovo patron della Cremonese lo chiama a casa sua e al primo tentativo perde la finale per la serie B con il Cittadella. Va via ma viene richiamato nella stagione successiva. Ancora due anni all'Albinoleffe, cinque partite al Novara al posto di Tesser (che verrà richiamato) e nel 2012 il ritiro dall'attività. A quel punto si dediuca alla attività di commentatore televisivo. E aveva allestito una squadra di calcetto di alcolisti anonimi.

Nel suo palmares da giocatore una vittoria del campionato di serie D 1967-68 con la Cremonese e un successo nel campionato di serie B sempre con la Cremonese nel 1976-77. Da allenatore una Coppa Mitropa con il Torino nel 1991 e una Coppa Italia con il Torino nel 1992-93. Cinque le promozioni in serie A con Cremonese, due volte con l'Atalanta, Torino e Fiorentina.

Ecco la formazione del campionato 1976-77. In piedi da sinistra Pardini, Mondonico, Talami, Prandelli, Barboglio, Bodini; accosciati Finardi, Chigioni, Sironi, Frediani, Cesini.

933 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online