Sabato, 26 maggio 2018 - ore 04.28

La Fim-Cisl Lombardia ha presentato Rapporto semestrale dell’Osservatorio Regionale della crisi e dell'occupazione

Oltre al rapporto sono stati presenati le valutazioni della Fim Cisl Lombardia sulla situazione del settore metalmeccanico. L'Osservatorio rileva sistematicamente i dati nelle circa 7.000 aziende industriali e con oltre 550.000 lavoratori della regione.

| Scritto da Redazione
La Fim-Cisl Lombardia ha presentato Rapporto semestrale dell’Osservatorio Regionale della crisi e dell'occupazione

La Fim-Cisl Lombardia ha presentato Rapporto semestrale dell’Osservatorio Regionale della crisi e dell'occupazione

Oltre al rapporto sono stati presenati  le valutazioni della Fim Cisl Lombardia sulla situazione del settore metalmeccanico. L'Osservatorio rileva sistematicamente i dati nelle circa 7.000 aziende industriali e con oltre 550.000 lavoratori della regione.

I dati generali delle situazioni di crisi nel settore metalmeccanico Nel 2° semestre 2017 sono state colpite dalla crisi 323 aziende (509 nel semestre precedente) e 9.201 lavoratori (14.744 i precedenti).

Diminuisce, in modo significativo, il ricorso alla cassa integrazione ordinaria che coinvolge 263 aziende (410 nel semestre precedente) e 6.847 lavoratori (11.644 nel semestre precedente). Meno evidente, invece, la frenata della cassa integrazione straordinaria utilizzata in 42 aziende (52 nel semestre precedente) per un totale di 1.961 lavoratori coinvolti (2.090 nel semestre precedente). Più che dimezzato il ricorso alla mobilità che scende a quota 22 aziende (47 nel semestre precedente) con una conseguente riduzione anche del numero di licenziamenti che si attestano a 393 (1.010 nel semestre precedente).

L’importante, e progressiva, riduzione del numero di aziende coinvolte da procedure di cassa integrazione ordinaria (cigo) dimostra che diverse imprese sono riuscite a riagganciare i segnali di ripresa assestandosi su situazioni di nuova normalità.

Una congiuntura favorevole che, tuttavia, non consente quella crescita occupazionale di cui, invece,  avremmo bisogno per riassorbire le troppe persone rimaste senza lavoro in questi ultimi anni. La cassa integrazione straordinaria (cigs), dopo il crollo registrato lo scorso semestre, si mantiene in linea con i primi 6 mesi del 2017, rafforzando l’idea che l’economia metalmeccanica lombarda si stia riassestando.

Il numero di licenziamenti crolla, coinvolgendo 393 lavoratori che, però, non dimentichiamolo, vanno ad aggiungersi al lungo elenco delle migliaia di lavoratrici e lavoratori licenziati nei semestri precedenti. Negli ultimi 2 anni il numero dei lavoratori licenziati si attesta sulle 7.000 unità, confermando la “violenza” della crisi e la deresponsabilizzazione di diverse aziende rispetto all’impatto sociale.

[leggi tutto]

 

Allegati Pdf:

Allegato PDF 1

237 visite

Articoli correlati